Coronavirus, Ricciardi avverte: "Plausibile un lockdown generale"

Il docente di Igiene all'università Cattolica e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza preoccupato: "A Napoli c’è gente che sta in macchina per ore e gli viene fornito l’ossigeno nella macchina. Vi sembra una zona gialla?"

Coronavirus, Ricciardi avverte: "Plausibile un lockdown generale"

TORINO - Torna prepotente l'ipotesi lockdown generale in Italia. L'ultimo Dpcm ha diviso la penisola in zone: gialle, arancioni e rosse. I numeri, però, continuano a destare preoccupazione e se entro il 15 novembre la situazione non dovesse migliorare la chiusura di tutto il Paese potrebbe passare da semplice supposizione a realtà. Walter Ricciardi, docente di Igiene all'università Cattolica e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, ospite in collegamento di Agorà, ha commentato così la situazione: "Stiamo vedendo una circolazione intensissima delle persone in tutte le zone d'Italia. Con queste modalità il fatto che stiamo andando verso un lockdown generale è plausibile. Sicuramente in questa seconda fase ci sono anche insofferenze psicologiche".

Coronavirus, a Torino anche Mazzini invita a indossare la mascherina
Guarda la gallery
Coronavirus, a Torino anche Mazzini invita a indossare la mascherina

Coronavirus, l'appello di Ricciardi

Ricciardi poi ammette: "Bisogna differenziare: una cosa è Napoli, un’altra è Caserta. A Napoli si è arrivati al limite delle terapie intensive e dei pronto soccorso. C’è gente che sta in macchina per ore e gli viene fornito l’ossigeno nella macchina. Vi sembra una zona gialla? Il personale medico e sanitario è più restio oggi a entrare nei reparti Covid perché è stato anche vilipeso. Dopo la prima fase ‘eroica’ oggi è cambiata la situazione".

Italia, lockdown il 15 novembre? La risposta di Sileri

Abbonati a Tuttosport

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti