Vaccini Johnson & Johnson, l'Australia dice no: non li acquisterà

Il ministro della Salute Greg Hunt ha escluso la chiusura di un contratto con il colosso farmaceutico americano: ecco perché

Vaccini Johnson & Johnson, l'Australia dice no: non li acquisterà© EPA

CANBERRA (AUSTRALIA) - L'Australia non acquisterà vaccini Johnson & Johnson. La decisione è arrivata direttamente dal governo che, intanto, ha identificato un secondo caso di un raro coagulo di sangue probabilmente collegato al vaccino AstraZeneca. Le parti erano in trattativa tanto che il colosso farmaceutico americano aveva chiesto all'autorità di regolamentazione australiana, la Therapeutical Goods Administration, la registrazione provvisoria. Ma, sorprendentemente, è arrivato il diniego.

Le parole del ministro della Salute Hunt

Il ministro della Salute Greg Hunt ha escluso categoricamente la chiusura di un contratto con la Johnson & Johnson perché il suo vaccino era simile al prodotto AstraZeneca, per cui l'Australia ha già un contratto per 53,8 milioni di dosi. Una decisione arrivata, come spiegato dallo stesso Hunt, dopo che il governo si è appellato al consiglio del gruppo consultivo scientifico e tecnico australiano. "Johnson & Johnson è un altro vaccino vettoriale virale e non raccomandiamo, in questo momento, che il governo acquisti qualsiasi ulteriore vaccino vettoriale virale", ha detto Hunt ai giornalisti. L'Australia ha avuto un discreto successo nel contenere la diffusione del Covid, ma crescono le critiche sul ritmo delle vaccinazioni. 

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...