Corea del Nord, Kim Jong-un: "Grave incidente legato al Covid"

I media locali riportano un linguaggio da parte del leader che ha sollevato lo spettro di un'epidemia di massa in un Paese
Corea del Nord, Kim Jong-un: "Grave incidente legato al Covid"© EPA

PYONGYANG (Corea del Nord) - Kim Jong Un ha rimproverato gli alti funzionari per i fallimenti nella prevenzione del coronavirus che hanno causato una "grande crisi". Il leader nordcoreano ha fatto usando un linguaggio che ha sollevato lo spettro di un'epidemia di massa in un Paese che difficilmente sarebbe in grado di gestirlo: il rapporto dei media di Stato non ha specificato quale errore "cruciale" abbia spinto Kim a convocare la riunione del Politburo del Partito dei lavoratori al governo, ma gli esperti hanno affermato che il Nord potrebbe essere alle prese con una battuta d'arresto significativa nella sua lotta alla pandemia. Kim nella riunione del Politburo ha criticato gli alti funzionari per presunta incompetenza, irresponsabilità e passività nella pianificazione e nell'esecuzione di misure anti-virus in mezzo all'allungamento della pandemia, ha affermato l'agenzia di stampa centrale coreana ufficiale del Nord. Kim - secondo il Kcna - ha affermato che "gli alti funzionari incaricati di importanti affari di Stato hanno trascurato l'attuazione delle importanti decisioni del partito sull'adozione di misure organizzative, istituzionali, materiali, scientifiche e tecnologiche come richiesto dalla prolungata campagna di prevenzione delle epidemie di emergenza statale".

Corea del Nord, grave incidente legato al Covid

Inadempienze che "hanno causato un caso cruciale di creare una grande crisi nel garantire la sicurezza dello stato e la sicurezza delle persone e ha comportato gravi conseguenze". Stando al rapporto, il partito ha fatto riferimento a un membro non meglio specificato del cerchio magico del Politburo, composto da Kim e altri quattro alti funzionari. Il leader nordcoreano potrebbe sostituire il suo capo di gabinetto Kim Tok Hun, che sarebbe ritenuto responsabile dei fallimenti nel lavoro anti-epidemia del Governo, secondo quanto riferito da Hong Min, analista senior presso l'Istituto coreano per l'unificazione nazionale di Seoul. Dall'inizio della pandemia, la Corea del Nord ha descritto i suoi sforzi anti-virus come una "questione di esistenza nazionale", 'banditi i turisti, cacciati i diplomatici e severamente ridotto il traffico e il commercio transfrontaliero. Il blocco ha ulteriormente messo a dura prova un'economia già martoriata da decenni di cattiva gestione e paralizzanti sanzioni guidate dagli Stati Uniti sul programma di armi nucleari del paese.

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...