Covid in Italia, le regioni a rischio zona gialla: i criteri

Il governo ha deciso che la colorazione dipenderà dall'ospedalizzazione e dal tasso di occupazione delle terapie intensive

Covid in Italia, le regioni a rischio zona gialla: i criteri© ANSA

Scongiurato, almeno per ora, il "rischio zona gialla". Nel nuovo decreto varato dal governo Draghi, infatti, viene meno il criterio dei contagi settimanali, sostituito da uno incentrato sull'ospedalizzazione e sull'occupazione delle terapie intensive: con una percentuale di posti occupati in rianimazione superiore al 10% e in area medica al 15% si passerà in zona gialla; se superiori rispettivamente al 20% e al 30% in arancione e se oltre il 30% e il 40% in rossa. Al momento, nessuna regione italiana è vicina a tali soglie.

Zona gialla, rossa e arancione: chi rischia

Ad avere i valori più alti, attualmente, sono la Campania - 2,4% per le rianimazioni e 5,1% per le ospedalizzazioni - e la Sicilia (rispettivamente 3,1% e 4,6%). Lazio, Liguria e Toscana hanno invece numeri sopra la media per quel che concerne le terapie intensive, ma più bassi per i posti occupati in area medica.

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...