Bruganelli e la malattia della figlia: "Bonolis mi ha dato la forza"

I problemi di salute di Silvia, la sua esperienza con i Vip della "Casa": ospite a Verissimo, l'opinionista si confessa

Bruganelli e la malattia della figlia: "Bonolis mi ha dato la forza"

ROMA - Sonia Bruganelli, opinionista del Grande Fratello Vip e moglie di Paolo Bonolis, sarà ospite della puntata di domenica di Verissimo, programma di canale 5 condotto da Silvia Toffanin. L'autrice e produttrice romana ha parlato soprattutto della sua esperienza al Gf, senza però dimenticare il suo matrimonio col conduttore televisivo. La Bruganelli ha rilasciato anche nuove dichiarazioni sulla malattia della figlia Silvia, che oggi è maggiorenne. Risposerei certamente Paolo, ma questa volta senza correre come abbiamo fatto, Aspetterei, perché ci siamo vissuti poco prima. Lui ha vissuto solo le mie follie, le mie insicurezze. Forse avrei preferito che ci fossimo incontrati adesso, perché io sono cambiata tanto e lui è cambiato nei miei confronti”. E ha aggiunto che il marito, tra i conduttori più amati del piccolo schermo, ha iniziato a guardare il reality show da quando c’è lei e che apprezza molto i suoi interventi. Sonia ha poi ammesso che lei e Bonolis sono due genitori molto presenti e che Paolo è indubbiamente il suo migliore amico.

Divorzio Ricciarelli-Baudo: "Non parlavano più"

Gf Vip, polemiche per Goria: troppe "avance" ad Ainette Stephens

Bruganelli e la malattia della figlia: "Paolo mi ha dato la forza"

Sonia Bruganelli ha parlato della malattia della figlia Silvia: appena nata la piccola soffriva di una cardiopatia grave ed è stata operata subito dopo il parto. A causa di un’ipossia sopravvenuta a sette giorni dall’intervento, Silvia ha riportato dei danni permanenti e la sua giovane vita è fatta di conquiste quotidiane. A tal proposito Sonia Bruganelli si è lasciata andare ad un’intima confessione a Verissimo, senza paura di mostrare le proprie fragilità: “Quel giorno è cambiata completamente la mia vita. L’ultimo mese di gravidanza è stato allucinante e non ho foto di Silvia appena nata perché avevo paura in qualche modo di affezionarmi. Le ho fatto le prime foto a quattro mesi. Io non mi sentivo una mamma emotivamente all’altezza di quella situazione così difficile, sono stata molto criticata per questo, ma Paolo mi ha dato una forza enorme. Ora quando mi dice ‘mamma ti amo’ è meraviglioso”. 

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...