Tuttosport.com

Basket, Serie A: Torino fermata da Cremona, Milano affonda Avellino
© CIAMILLO
0

Basket, Serie A: Torino fermata da Cremona, Milano affonda Avellino

La Fiat si spegne nel finale nonostante i 31 punti di Jaiteh. Vincono Sassari e Brindisi ormai prossime ai playoff

domenica 28 aprile 2019

TORINO - Milano vince e mantiene quattro punti di lunghezza a due turni dalla fine della regular season di Serie A di basket, Venezia e Cremona non mollano mentre Avellino viene agguantata da Cantù e Varese a quota 30, lasciando l'ottava piazza per i playoff sempre più in bilico. Brindisi blinda un piazzamento playoff, nella lotta per non retrocedere da registrare il passo falso di Reggio Emilia e Pesaro, che lasciano ancora qualche speranza a Pistoia.

SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA-DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 74-69 - Un grande terzo quarto ha permesso alla Virtus Bologna di Sasha Djordjevic di mettere i bastoni tra le ruote a Trento, ancora in piena corsa playoff. Dopo venti minuti di sostanziale equilibrio, Bologna ha alzato i ritmi nel terzo periodo: coach Boscaglia ha chiesto gli straordinari ad Aaron Craft (22 punti alla sirena per lui, 8 negli ultimi 10' insieme ai 9 di Flaccadori) ma le Vu Nere hanno respinto l'assalto trentino, grazie al buon quarto quarto del duo Kravic-Baldi Rossi.

UMANA REYER VENEZIA-GRISSIN BON REGGIO EMILIA 76-71 - Non è stata la miglior Reyer della stagione, ma a coach De Raffaele bastano e avanzano i due punti. Reggio Emilia è rimasta a contatto nel quarto quarto grazie a Johnson-Odom e Dixon, riuscendo a ricucire lo strappo provocato da Venezia nel terzo quarto. I lagunari hanno però sigillato il match con Watt e Bramos.

BANCO DI SARDEGNA SASSARI-GERMANI BASKET BRESCIA 95-87 - Awudu Abass ci ha provato in tutti i modi, e Brescia per 30 minuti ha giocato alla pari con la Dinamo Sassari di coach Pozzecco, forse ancora un po' provata dagli straordinari in Fiba Europe Cup. Nel quarto quarto, il Banco di Sardegna ha ribaltato il discorso, con un parziale di 31-15 firmato da Cooley, Spissu e Thomas. Altro trentello per quest'ultimo (30 punti in 33 minuti di utilizzo, con 7 rimbalzi, 4 assist e 2 rubate), mentre Brescia si è dovuta arrendere nonostante i 32 punti di Abass.

OPENJOBMETIS VARESE-VL PESARO 81-75 - Varese esce dalla crisi grazie a un parziale decisivo di Aleksa Avramovic, grande protagonista nella vittoria in volata contro una VL Pesaro volenterosa ma sprecona. La squadra di coach Boniciolli ha dato grande filo da torcere ai lombardi, portando il match in equilibrio fino agli ultimi minuti, quando una raffica di Avramovic (8 punti di fila) ha chiuso i giochi.

FIAT TORINO-VANOLI CREMONA 88-94 - A Cremona bastano cinque minuti di gara, gli ultimi, per spegnere le speranze di Torino: la squadra di coach Sacchetti sbanca il PalaVela nel giorno in cui la Fiat può tirare il fiato, la salvezza è ormai garantita dalla sconfitta di Pistoia. A Torino non basta un immenso Jaiteh da 31 punti, solita prestazione di squadra della Vanoli che nei momenti decisivi si aggrappa a Ruzzier (17 punti per lui), Aldridge (18) e a una bomba del solito Travis Diener (12 punti) per archiviare la pratica. Doppia cifra anche per Ricci (11), Crawford (10) e Mathiang (12).

HAPPY CASA BRINDISI-ALMA TRIESTE 85-77 - Ricky Moraschini è la star del successo di Brindisi. L'ex Roma e Trento si conferma in un grandissimo momento e chiude la sua serata a quota 30 punti, trascinando i pugliesi a un successo pesantissimo in chiave playoff: per Brindisi è già aritmetica la qualificazione. Decisivo lo strappo nel terzo quarto, a nulla è servito il tentativo di rimonta di Trieste.

AX ARMANI EXCHANGE MILANO-SIDIGAS AVELLINO 85-79 - Partita strana per Milano, che cerca di allungare nel primo quarto, poi subisce il veemente ritorno di Avellino (40-43 all'intervallo lungo) salvo infine amministrare le energie e il match nel secondo tempo, lasciando la Scandone a soli 12 punti nel terzo periodo. Con un James meno preciso del solito (13 punti con 4/14 dal campo e 4/9 ai liberi), la squadra di coach Pianigiani ha sfruttato al meglio la vena realizzativa di Kuzminskas, chirurgico dall'arco con 12 punti in soli 16 minuti, e del duo Jerrells-Nunnally, quest'ultimo grande ex di giornata, autori rispettivamente di 17 e 16 punti.

Commenti