Tuttosport.com

Basket nazionale, azzurri pronti per l'All Star Game

La squadra di Pianigiani in versione sperimentale ha ricevuto il supporto del presidente Coni Malagò e del presidente Fip Petrucci. Ad Ancona si punta al tutto esauritotwitta

sabato 12 aprile 2014

ANCONA – La nazionale di Simone Pianigiani si prepara per l'All Star Game di domani ad Ancona (ore 17.30, diretta RaiSport1) da affrontare in versione sperimentale. Perchè con i soli forfait si fa quasi una rappresentativa intera: al netto degli infortuni, Bargnani, Belinelli, Gallinari e Datome sono negli Stati Uniti, Hackett, Melli, Gentile e Poeta in Eurolega, poi sono stati autorizzati a lasciare il ritiro gli acciaccati Aradori e Cusin. In questo modo, l'unico vero titolare è Andrea Cinciarini, unico '86 insieme a Luca Vitali in un gruppo ricco di debuttanti: dal più atteso, Amedeo Della Valle, all'altro azzurrino oro agli Europei Under 20 Awudu Abass (che affiancò Della Valle nel quintetto ideale), da Amedeo Tessitori al '95 Simone Fontecchio.

PIU' ITALIANI IN CAMPO – Ad Ancona, dove si punta al tutto esaurito per l'evento, l'Italia ha ricevuto il supporto del presidente Coni Giovanni Malagò e del presidente federale Giovanni Petrucci. Quest'ultimo ha fatto gli onori di casa, queste le parole di Petrucci: «Voglio ringraziare il presidente Malagò per aver accettato l'invito ad essere qui. Ho molta stima per lui e con la sua famiglia c'è un rapporto di amicizia che ci lega da tanto tempo. Nel basket di oggi vedo in campo troppi stranieri e come Federazione stiamo combattendo affinché venga dato maggiore spazio agli italiani. Il Coni è al nostro fianco in questa battaglia. Questa è una nazionale giovane, su cui si sta investendo anche in prospettiva futura. Il ct Simone Pianigiani e tutto lo staff stanno svolgendo un ottimo lavoro e l'obiettivo è qualificarci prima agli Europei 2015 e poi ai Giochi Olimpici di Rio. A Malagò voglio dire di continuare a starci vicino, perché il basket non lo deluderà».

OBIETTIVO RIO – Queste le parole del numero uno del Coni, Malagò: «Sono io che ringrazio la Fip e Petrucci per questo invito, perché nella pallacanestro mi sento a casa. Sono uomo anche di basket e vorrei vedere in campo più italiani. Ora l'obiettivo per la nazionale di basket deve essere quello di tornare a disputare i Giochi Olimpici. Sognare non costa a: dopo il risultato degli ultimi Europei non possiamo che continuare a crescere».

CONVOCATI – Sono 15 i giocatori nel gruppo azzurro dopo assenze (anche Pini) e inserimenti degli ultimi giorni. Guardie: Andrea Cinciarini e Della Valle (Reggio Emilia), Cournooh (Siena), De Nicolao (Varese), Stefano Gentile (Cantù), Luca Vitali (Venezia). Ali: Abass (Cantù), Fontecchio (Virtus Bologna), Polonara (Varese), Michele Vitali (Caserta). Lunghi: Cervi (Reggio Emilia), Magro (Venezia), Mazzola (Montegranaro), Tessitori (Sassari), Zerini (Brindisi).

STRANIERI – Questa la rappresentativa degli stranieri allenata da Marco Crespi, tecnico del Montepaschi. Guardie: Marquez Haynes (Montepaschi Siena), Joe Ragland (Cantù), Jerome Dyson (Brindisi), Drake Diener (Sassari), Chris Roberts (Caserta). Ali: Donell Taylor (Venezia), James White (Reggio Emilia), Deron Washington (Pistoia). Lunghi: O.D. Anosike (Pesaro), Jeff Brooks (Caserta), Delroy James (Brindisi), Ed Daniel (Pistoia).

Tutte le notizie di Nazionali

Approfondimenti

Commenti