Tuttosport.com

LeBron travolge Golden State, Cleveland sull'1-2
© USA Today Sports

LeBron travolge Golden State, Cleveland sull'1-2

I Cavaliers dominano gara3 dal primo minuto e accorciano le distanze, finale riaperta: molto negativi gli Splash Brotherstwitta

giovedì 9 giugno 2016

ROMA - Sembrava una storia già chiusa, quella delle NBA Finals 2016, e invece questa notte i Cleveland Cavaliers hanno fatto capire che se i Golden State Warriors vogliono confermarsi campioni, dovranno sudare ancora molto. La squadra di Tyron Leu ha infatti battuto agevolmente (120-90) Golden State riaprendo così completamente la serie, gara4 è in programma sempre a Cleveland domani e darà ai Cavaliers la possibilità di impattare il conto.

 

RISCOSSA CAVS - Sotto 0-2 e senza Kevin Love per il colpo alla nuca rimediato nel corso di gara2, Cleveland nel momento di maggiore difficoltà si è affidata a Lebron James e ne ha ottenuto preziosi dividendi: dopo i soli 48 punti messi a referto nel corso prime due partite, il Prescelto ha asfaltato i Warriors piazzando una splendida doppia doppia (32 punti e 11 rimbalzi) che ha esaltato la Quicken Loans Arena e soprattutto ha messo in ritmo tutti i propri compagni, a cominciare dal redivivo Kyrie Irving (30 punti e 8 assist) e Tristan Thompson (14 punti e 13 rimbalzi), per finire a JR Smith, 20 punti. Dall'altra parte, invece, pessima esibizione per i Warriors, a cominciare da uno Steph Curry incapace di fare la differenza: per lui solo 19 punti, 18 per Harrison Barnes, 10 di Klay Thompson, 11 per Andre Iguodala.

 

E GLI SPLASH? - Gli Splash Brothers continuano a incidere molto poco in questa serie e a questo punto tre indizi fanno una prova: la sensazione è che a livello psicofisico le fatiche della serie chiusa con Oklahoma City sul 4-3 continuino a condizionare le prestazioni delle due stelle di Steve Kerr.

Tutte le notizie di NBA

Approfondimenti

Commenti