Tuttosport.com

Curry esalta Golden State, LeBron sbanca Toronto
© EPA
0

Curry esalta Golden State, LeBron sbanca Toronto

Cleveland passa in casa dei Raptors dopo un overtime, Pelicans battuti dai Warriors che ritrovano il loro fuoriclasse dopo 40 giorni.

mercoledì 2 maggio 2018

ROMA - Nella notte NBA Cleveland passa a Toronto in gara1 dopo un overtime (112-113). I Raptors sprecano il +11 del terzo quarto (76-65) e poi anche il +4 a 100 secondi dalla sirena perché poi entra in scena LeBron James (tripla doppia da 26 punti, 11 rimbalzi, 13 assist ma 12/30 dal campo). Nell’overtime Korver segna la tripla del primo vantaggio esterno e poi si pensa JR Smith (113-107). A 3 secondi dalla fine del supplementare VanVleet fallisce la tripla della vittoria. I Cavaliers la vincono perché offrono stavolta qualche alternativa a LeBron: Korver chiude con 19 punti, Smith con 20 punti e 5/6 dall’arco, doppia doppia per Tristan Thompson (14 punti e 12 rimbalzi). I Raptors pagano la cattiva serata al tiro (9/28 da 3), sottotono DeRozan (22 punti, 7 rimbalzi e 5 assist) mentre il migliore è Valanciunas (21 punti e 21 rimbalzi).

 

WARRIORS OK - Golden State ritrova Steph Curry dopo 40 giorni e festeggia nel modo migliore il successo che vale il 2-0 con New Orleans (121-116). Il fuoriclasse dei Warriors gioca 27 minuti e mette insieme 28 punti e 7 rimbalzi (5/10 da 3), è lui a dare la scossa col suo ingresso in campo quando i Pelicans nel primo quarto toccano anche il +9. Partita comunque molto equilibrata, i campioni in carica trovano l’allungo decisivo solo nel quarto periodo con l’11-0 ispirato da Iguodala e Durant che vale il +12 (110-98). Tutto il quintetto di Kerr risponde presente: 29 punti per Durant, 20 e 9 rimbalzi per Green, bene anche Iguodala (15 punti, 8 rimbalzi). Per i Pelicans il migliore è Davis (25 punti, 15 rimbalzi), con lui Mirotic (18 punti e 9 rimbalzi) e un eccellente Holiday (24 punti e 8 assist), oltre al solito Rondo (22 punti, 12 assist). Warriors focalizzati sull’obiettivo e ora al completo, anche per questa edizione convincente dei Pelicans non sarà semplice, la serie ora si trasferisce a New Orleans.

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti