Gallinari: "In Nba tutto può succedere, non siamo ancora soddisfatti"

"Molte volte cercare di smentire le persone può essere una forma di motivazione per un giocatore"

Gallinari: "In Nba tutto può succedere, non siamo ancora soddisfatti"© EPA

ORLANDO - "All'inizio dell'anno sapevamo di avere una buona squadra e quale poteva essere il nostro obiettivo. Avevamo grandi talenti individuali: dovevamo solo trovare la giusta chimica per unirli tutti e diventare una buona squadra difensiva". Così Danilo Gallinari, ala degli Oklahoma City Thunder, parla alla vigilia dell'inizio dei playoff nell'Nba. Il cestista di Sant'Angelo Lodigiano (Lodi) è risultato fondamentale per l'accesso dei 'suoi' fra i big, con almeno mille possessi giocati (secondo dietro TJ Warren). I Thunder con Gallinari in campo sono una squadra da 116,9 punti su 100 possessi ma, quando e se non c'è, precipitano a 100,3.

Nba, George e Leonard guidano i Clippers contro i Nuggets
Guarda la gallery
Nba, George e Leonard guidano i Clippers contro i Nuggets

Gallinari ha chiuso l'11/a stagione in Nba a un soffio dai 19 punti a partita (18,7), con 5,2 rimbalzi e quasi due assist di media, tirando con il 44% dal campo e oltre il 40% da 3 per il secondo anno in fila. L'obiettivo adesso è presentarsi al massimo ai Playoff, dove Gallinari sarà chiamato a recitare un ruolo di primo piano nella serie contro gli Houston Rockets di Mike D'Antoni. "La storia dell'Nba ci insegna che tutto può succedere: non siamo soddisfatti di essere semplicemente arrivati ai Playoff - le sue parole riportate da Skysport-. Molte volte cercare di smentire le persone può essere una forma di motivazione per un giocatore".

Abbonati a Tuttosport

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti