Nba, Beal ne fa 60 ma non basta per battere Philadelphia. Boston stende Miami

Wizards ko nonostante la prestazione super della loro stella. Phoenix Suns primi a Ovest. Atlanta, senza Gallinari, travolta dagli Hornets

Nba, Beal ne fa 60 ma non basta per battere Philadelphia. Boston stende Miami© EPA

SAN FRANCISCO (Stati Uniti) - Golden State Warriors si arrendono nel finale di partita ai Los Angeles Clippers, guidati dai 21 punti a testa realizzati dalla coppia Kawhi Leonard e Paul George. Finisce 101-108 con gli uomini allenati da Steve Kerr rimasti in partita fino alla fine, malgrado i soli 13 punti con 5/17 al tiro per Steph Curry, uscito per una distorsione alla caviglia che non preoccupa. Mentre i Celtics e gli Heat decidono comunque di scendere in campo e dar vita ad un match combatutto e molto divertente, nonostante le dure proteste contro quanto successo a Washington con l’assalto al Congresso da parte di una frangia estrema di sostenitori di Donald Trump. Il protagonista della serata è Payton Pritchard, rookie selezionato all’ultimo Draft da Boston, abile a segnare il canestro a due decimi dalla sirena per il 105-107 finale.

Sixers miglior squadra, Suns primi a Ovest

Philadelphia si conferma come la miglior squadra della NBA, di questo inizio stagione, conquistando la sesta vittoria in sette gare, superando anche gli Wizards per 141-136  nonostante uno scatenato Bradley Beal da 60 punti, in una gara da 20/35 dal campo, sette triple, sette rimbalzi e cinque assist. Tra i Suns e i Raptors, che hanno invece deciso di fondersi in un abbraccio a centrocampo per protestare con quanto stava accadendo nella capitale, la partita finisce 123-115 con la squadra di Phoenix che mette a bersaglio ben 21 tiri da 3 punti (la quarta volta nella storia della franchigia con più di 20 triple) e raggiunge i Los Angeles Lakers in vetta alla classifica della Western Conference (24 punti di Devin Booker e dei 21 di Jae Crowder).

Vittorie per Bucks e Hornets

Nelle altre partite della notte i Milwaukee Bucks battono i Detroit Pistons 130-115, 25 i punti messi a referto dal greco Antetokounmpo. Gli Charlotte Hornets invece vincono 102-94 in trasferta contro gli Atlanta Hawks di Danilo Gallinari, ancora fuori per infortunio. Sconfitta anche per i Pelicans, di Melli, contro i Thunder per 110-111, decisivo il tiro libero realizzato a 12 secondi dalla sirena da George Hill. Vittoria per Indiana contro Houston per 114-107.

Nba, Curry fenomenale: 62 punti nella sfida tra Golden State e Portland
Guarda la gallery
Nba, Curry fenomenale: 62 punti nella sfida tra Golden State e Portland

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...