Tuttosport.com

Goudelock non fa sconti: Milano affonda Trento
© CIAMILLO
0

Goudelock non fa sconti: Milano affonda Trento

I biancorossi vincono 98-85 il primo atto delle finali scudetto

martedì 5 giugno 2018

ROMA - Buona la prima per l'EA7 Milano che si aggiudica gara 1 delle finali scudetto battendo la Dolomiti Energia Trento con un perentorio 98-85. Un successo netto costruito attorno alle eccellenti percentuali dal campo (63% da due e 52% da tre) e alla strepitosa prestazione del "Mini Mamba" Andrew Goudelock che ha mostrato tutta la sua classe cristallina portando a casa ben 26 punti con uno strepitoso 6/10 da oltre l'arco dei 6.75 metri. Una menzione d'onore però la meritano anche Vlado Micov (16 punti) e i lunghi Kaleb Tarczewski (14 punti e 9 rimbalzi) e Arturas Gudaitis (10 punti e 6 rimbalzi) che hanno fatto un grande lavoro sotto i tabelloni. Trento invece questa sera non è mai riuscita ad entrare in ritmo e a mettere in campo tutta la propria intensità nonostante i 31 punti di Shavon Shields che fino alla fine ha provato a tenere a galla i suoi. 

TRIPLE - Parte meglio la formazione biancorossa che attaccando bene il cuore dell'area si porta sul 15-7 nei primi 5'. Trento però trova le forze per reagire e chiude la frazione con un 5-0 che vale il -3. I bianconeri sembrano poter stare in partita ma mancano il colpo dell'aggancio e così l'EA7 ne approfitta allungando nuovamente grazie alle bombe di Bertans (9 punti nel quarto) e Goudelock e ai canestri nell'area di Micov che lanciano la fuga di Milano che sul 39-26 scollina per la prima volta la doppia cifra. Gomes e Forray griffano un 5-0 ma subito arriva la risposta di Milano affidata a Pascolo e Goudelock che mandano l'EA7 negli spogliatoi sul 47-34. Sutton, Shields e Gutierrez provano a spaventare in uscita dagli spogliatoi Milano che però chiude la terza frazione con un 11-2 ispirato da Gouudelock, che vale il +18 milanese (70-52) a 10 minuti dalla fine. L'ultimo ad arrendersi tra i bianconeri è Shields che nell'ultimo quarto sigla ben 19 punti e riporta i suoi a -9 con ancora poco più di 3' da giocare. A quel punto però risale in cattedra Goudelock che segna un paio di canestri pesantissimi che spengono le speranze della Dolomiti Energia. 

Commenti

Potrebbero interessarti