Tuttosport.com

Wacky Race tutta in Dvd, la corsa senza regole

Wacky Race tutta in Dvd, la corsa senza regole

Negli anni Ottanta è stata la gara automobilistica più amata dai bambini di allora. Con Tuttosport tornano il crudele Dick Dastardly, il suo perfido cane Muttley e tutte le macchine follitwitta

venerdì 4 dicembre 2015

TORINO - «Ed ora Signore e Signori vi presentiamo i più famosi e spericolati piloti che partecipano alla gara senza regole, Wacky Races, dove ogni espediente è consentito per conquistare il titolo mondiale del Wacky Races». È il mitico incipit di uno dei cartoni animati più amati dagli italiani negli anni Ottanta, Wacky Races, che Tuttosport ripropone in collaborazione con la Warner Bros in tre dvd speciali (al prezzo di 9,99 euro più il costo del quotidiano) a partire da domani 5 dicembre. Siamo in un’epoca mitica della televisione italiana, che ha visto la nascita delle tv commerciali, dell’Auditel e di programmi indimenticabili: Drive In, Il pranzo è servito, Indietro tutta.

Wacky Race tutta in Dvd, la corsa senza regole

I CARTONI ANIMATI - Aumentano i canali e anche fasce orarie differenti dalla prima serata sono colonizzate da programmi, spuntano quelli per bambini, ad esempio. Un’era iniziata già nel 1978 quando per la prima volta fu trasmesso un cartone animato giapponese, Goldrake, su Rai Due. Di lì fu una pacifica e assolutamente gradita invasione. I Wacky Races arrivarono nel 1980 e le repliche sono continuate per decenni, ma in effetti negli Stati Uniti furono trasmessi per la prima volta nel 1968. Ispirato al film di Blake Edwards La grande corsa, racconta uno spericolato campionato del mondo di corse tra automobili assolutamente particolari guidate dai loro improbabili piloti.

IL MITO MUTTLEY - Il protagonista assoluto è un cattivo, figlio dei migliori villain americani, Dick Dastardly (il cognome tradotto vuol dire “in modo ignobile”) che aiutato dal suo cane Muttley utilizza tutti i mezzi illeciti per riuscire a vincere la corsa, non riuscendoci mai. Indubbiamente, sono loro le figure che più di tutte si sono impresse nella memoria e nell’affetto della generazione degli anni Ottanta. I due ebbero talmente tanto successo che Hanna e Barbera li utilizzarono in un’altra serie animata, Dastardly e Muttley e le macchine volanti, in cui il cane è ossessionato dalle medaglie. Muttley non è proprio il migliore amico dell’uomo: spietato come Dick, rivolge la sua perfidia perfino verso il suo stesso padrone e non può fare a meno di ridere a crepapelle per gli effetti nefandi dei trucchi di Dastardly: ogni piano per liberarsi dei suoi rivali e vincere la corsa finisce inevitabilmente con il ritorcersi contro di lui. È una versione aggiornata di Will Coyote; anche Dastardly è inevitabilmente schiacciato da una palla di ferro, sbatte contro un muro, è coinvolto in un’esplosione o cade dentro un burrone. Ogni volta Muttley ride sguaiatamente agli infortuni del suo capo.

I RIVALI - Dastardly partecipa con la sua auto denominata 00 (Mean Machine, tradotto più o meno La macchina cattiva). Garaggia contro la Macigno Mobile guidata da due cavernicoli, Rock e Gravel; il Diabolico Coupé è la vettura numero 2 e porta sul tettuccio una tetra torre campanaria circondata da pipistrelli che le volano intorno. La numero 3 è la Multiuso del Professor Pat Pending, capace di trasformarsi in qualsiasi mezzo di trasporto che possa aiutare il suo pilota a vincere la gara; 4, lo Scarafaggio Volante è guidato da Red Max ed è disegnato come un vecchio aereo da guerra che si richiama al mitico Barone Rosso; il Vezzoso Coupé è guidato dall’unica ragazza del gruppo, Penelope Pitstop, che ebbe anche l’onore di uno spin pff tutto suo sempre prodotto da Hanna e Barbera (Le avventure di Penelope Pitstop); non manca il carro armato con L’Armata Speciale; Clyde e la sua banda guida la numero 7, la Macchina Antiproiettile; l’Insetto Scoppiettante è la numero 8, guidata da un orso freddoloso e un montanaro chiamato Luke; Peter Perfect pilota la Sei Cilindri disegnata come una vera auto da corsa, più precisamente un dragster; con il 10 abbiamo la Spaccatutto, in legno e con delle seghe circolari al posto delle gomme guidata dal taglialegna Rufus e il suo castoro.

Tutte le notizie di Calcio

Approfondimenti

Commenti