Tuttosport.com

Ceferin: “Il calcio con i tifosi tornerà presto”

0

Il presidente della Uefa: “Questo sport non cambierà a causa del Coronavirus. Dalla tassa sul lusso alle nuove regole sul fair play finanziario, ecco i nostri obiettivi”

Ceferin: “Il calcio con i tifosi tornerà presto”
13. Aleksander Ceferin© www.imagephotoagency.it
mercoledì 20 maggio 2020

"Il calcio non è cambiato dopo la prima o la seconda guerra mondiale, e non cambierà nemmeno a causa di un virus. La gente ha detto molte volte che il mondo non sarà più lo stesso dopo ... questo potrebbe essere vero, ma il mio punto di vista è perché non pensare che il mondo sarà migliore dopo questo virus?”. Così in un'intervista al Guardian il presidente dell'Uefa Aleksander Ceferin, che ha aggiunto: “Siamo pronti e seguiremo le raccomandazioni delle autorità, ma sono assolutamente sicuro, personalmente, che il buon vecchio calcio con i tifosi tornerà molto presto". Alla domanda se scommetterebbe un milione sul fatto che gli Europei verranno regolarmente giocati nel 2021, Ceferin ha detto: "Sì, vorrei ... Non so perché non lo sarebbe. Non penso che questo virus durerà per sempre. Penso che cambierà prima di quanto molti pensano". Il numero uno dell'Uefa ha poi aggiunto: "È una situazione grave, ma ora sta andando giù e siamo più cauti. Sappiamo di più sul virus e in generale sono una persona ottimista. Non mi piace questa visione apocalittica secondo cui dobbiamo aspettare la seconda e la terza ondata o anche la quinta ondata. Le persone che conosci probabilmente moriranno un giorno, ma dobbiamo preoccuparci oggi? Io non la penso così. Siamo pronti e seguiremo le raccomandazioni delle autorità, ma sono assolutamente sicuro, personalmente, che il buon vecchio calcio con i tifosi tornerà molto presto".

La differenza tra Ibrahimovic e il ministro

Tassa sul lusso e nuovo fair play finanziario

Una tassa sul lusso e nuove regole sul fair play finanziario: sono i prossimi obiettivi del'Uefa, quando la situazione di emergenza dettata dalla pandemia consentirà di affrontare le cose con calma. Sul fair play finanziario il numero uno del calcio europeo ha ribadito che se i club "non seguono le regole, saranno sempre sanzionati, ma ovviamente pensiamo sempre a come migliorare le nostre normative e, se necessario, adattarci ai nuovi tempi. Questo non accadrà molto presto ma stiamo pensando di migliorare modernizzando e facendo qualcosa in più sull'equilibrio competitivo". "Stiamo anche prendendo in considerazione - ha aggiunto il dirigente sportivo - una sorta di 'tassa sul lusso', se possibile. Quindi, ci sono molte idee ma credetemi, durante questi tempi difficili abbiamo smesso di pensare più o meno ai cambiamenti che accadranno in futuro. Ora dobbiamo guidare la nostra nave sulla rotta giusta e siamo vicini a farlo. Quindi, quando le cose si calmeranno, torneremo ai vecchi compiti".

Caricamento...

La Prima Pagina