Superlega, Ceferin attacca Juve, Real e Barcellona: “Terrapiattisti”

Non si placa l'ira del presidente dell'Uefa contro i club fondatori del progetto: "C'è differenza tra le inglesi, le società uscite subito dopo e le altre tre. Ci saranno conseguenze"

Superlega, Ceferin attacca Juve, Real e Barcellona: “Terrapiattisti”© ANSA

TORINO - Non si placa la furia di Aleksander Ceferin, presidente dell'Uefa, che in un'intervista all'edizione domenicale del 'Daily Mail' torna all'attacco della 'sporca dozzina', ovvero i 12 club che hanno dato vita al progetto della Superlega naufragato dopo poche ore. Con delle distinzioni però, perché queste società vengono divise in tre gruppi.

Differenze tra i 12 club

"Le sei inglesi - spiega Ceferin - si sono ritirate per prime e hanno ammesso di aver commesso un errore. Poi ci sono gli altri tre club usciti dopo di loro (Atletico Madrid, Milan e Inter, ndr) e infine quelli che credono ancora che la Terra sia piatta e pensano che la Super League esista ancora. C'è una grande differenza tra questi, ma tutti saranno ritenuti responsabili e vedremo in che modo. Ognuno dovrà subire le conseguenze, non possiamo far finta di nulla".

L'attacco ad Agnelli

A deluderlo maggiormante Andrea Agnelli, presidente della Juve e ormai ex numero uno dell'Eca da cui si è dimesso: "È stato molto stressante, mi sono sentito come messo in lavatrice. Sabato sono andato in Svizzera, otto ore di auto, e avevo tutto pronto per parlare delle nuove riforme per la Champions League e le coppe europee. Stavo anche ringraziando Agnelli, ma da allora ho cambiato quattro volte il discorso. Stavano preparando cose che non mi hanno mai detto e quello lì (il presidente della Juve, ndr) mi mentiva dicendo 'Non è vero, non è vero...'. Alla fine invece era vero e io devo raccontare pubblicamente ciò che è successo".

Pirlo: "Champions un obbligo. Agnelli? L'ho visto sereno"
Guarda il video
Pirlo: "Champions un obbligo. Agnelli? L'ho visto sereno"

L'asse con Boris Johnson

Ceferin racconta poi di essere stato favorevolmente colpito dalla reazione del governo del Regno Unito. "Ho avuto diverse conversazioni telefoniche con Boris Johnson e il segretario di Stato Dowen in quelle 48 ore di follia. Erano dalla parte giusta della storia al momento giusto e questo mi ha impressionato molto. Questo sforzo congiunto dimostra che non tutto è in vendita, che non puoi presentarti coi tuoi miliardi e dire 'Non m'interessano tradizione, storia, tutto ciò che amiamo, perché ho abbastanza soldi e comprerò tutto'. Non esiste, questo concetto non può passare".

Tutte le news e gli aggiornamenti sulla Superlega

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...