The Guardian: "Boris Johnson era d'accordo con la Superlega"

Ora il premier è chiamato a chiarire la sua posizione e a fare luce sull'incontro avuto con un esponente del Manchester United. Leggi di più

The Guardian: "Boris Johnson era d'accordo con la Superlega"© Getty Images

Le pressioni del governo britannico vanno in una direzione: capire quale fosse veramente la posizione di Boris Johnson sulla Superlega. Sì perché sembra, stando a quanto scrive il The Guardian, che in realtà il primo ministro sapesse del progetto Superleague e che l'avesse anche approvato, dando il suo ok per l'ingresso delle sei inglesi (United, City, Tottenham, Arsenal, Chelsea e Liverpool). Nel mirino ci sarebbe anche l'incontro che il capo politico avrebbe avuto pochi giorni prima dell'annuncio del nuovo torneo con il vicepresidente esecutivo del Manchester United, Ed Woodard, il quale avrebbe capito che Johnson fosse a favore del progetto.

Superlega, incredibile protesta dei tifosi dell'Arsenal
Guarda la gallery
Superlega, incredibile protesta dei tifosi dell'Arsenal

La posizione di Johnson sulla Superlega

Secondo questa ricostruzione dei fatti, Johnson sarebbe stato prima favorevole e poi avrebbe cambiato idea, magari vedendo anche la rivolta dei tifosi. Quando è uscita la notizia della Superlega la posizione ufficiale del premier è stata da subito quella della condanna a un torneo totalmente esclusivo ed elitario. Inoltre, si è sempre detto sorpreso dell'iniziativa. Adesso però in Inghilterra si chiedono se fosse veramente a conoscenza del progetto e, soprattutto, se l'avesse appoggiato, salvo poi cambiare idea per schierarsi contro.

Effetto Superlega, tifosi del Manchester United contro Joel Glazer
Guarda il video
Effetto Superlega, tifosi del Manchester United contro Joel Glazer

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...