Coppe, torna il tifo vero: si rialzano le curve, ok Uefa

Via libera nei settori popolari: gli spettatori potranno restare in piedi durante le partite
Coppe, torna il tifo vero: si rialzano le curve, ok Uefa© EPA

Il dado è tratto. Ormai è deciso: tornano colore e passione in moltissimi stadi d’Europa. L’annuncio è arrivato direttamente dall’Uefa che ha annunciato la svolta per quanto riguarda le sue tre competizioni continentali per club, Champions League, Europa League e Conference League: da questa stagione i tifosi non avranno più l’obbigo tassativo di assistere alle partite rimanendo ordinatamente seduti.

Coronavirus, in Premier League tornano i tifosi allo stadio
Guarda la gallery
Coronavirus, in Premier League tornano i tifosi allo stadio

Cade dunque la norma regolamentare del governo del calcio europeo che consentiva di utilizzare solo posti a sedere per le sue competizioni. L’Uefa, infatti, negli ultimi anni ha osservato una tendenza crescente all’uso dei posti in piedi in diversi campionati e coppe nazionali. I tifosi di tutta Europa e i club che utilizzano regolarmente i posti in piedi a livello nazionale nei loro impianti hanno dunque iniziato a pressare, con sempre maggior vigore, affinché la Uefa li prenda in considerazione nelle partite europee, sotto la spinta di Inghilterra, Germania e Austria. In questi 3 Paesi, infatti, da diversi lustri i supporters erano costretti ad assistere allo spettacolo calcistico esclusivamente dai posti loro assegnati sul biglietto d’ingresso. Intendiamoci bene, però: nei settori più “esclusivi” non cambierà nulla. Nelle tribune e nei distinti si continuerà a non poter stare in piedi, ma nelle curve, nei posti più popolari degli stadi insomma, si vivrà un ritorno al passato che non potrà che far bene al movimento calcistico del Vecchio Continente.

8000 tifosi per la finale Tottenham-City! Spettacolo a Wembley
Guarda la gallery
8000 tifosi per la finale Tottenham-City! Spettacolo a Wembley

Nella stagione europea in corso l’autorizzazione a dire addio al “tutti seduti in curva” riguarderà soltanto i club delle prime cinque federazioni della classifica Uefa in cui la presenza in piedi negli impianti sia già autorizzata a livello nazionale. Ma non basta: il provvedimento sarà applicato in tutte le fasi dei tre tornei continetali tranne che nelle finali. Questa decisione, oltre a dare un colore diverso e una migliore atmosfera sugli spalti, favorirà alcuni stadi che potranno aumentare notevolmente la propria capienza. Il caso più clamoroso è quello del Signal Iduna Park, la casa del Dortmund, che potrà tornare a ospitare 81.365 spettatori riproponendo in tutto il suo splendore la Südtribüne in versione “muro giallo”. Perché un conto è un muro, rumoroso sì ma immobile, tutto un altro è una muraglia umana con i tifosi in piedi, più vicini, più compatti, più potenti, più imponenti...

France Football: "I 30 stadi più caldi al mondo"
Guarda la gallery
France Football: "I 30 stadi più caldi al mondo"

La decisione dell’Uefa darà un impulso decisivo anche in Inghilterra: dal 2021 quattro delle grandi di Premier League (Liverpool, Manchester City, Manchester United e Chelsea oltre ai Wolverhampton Wanderers) hanno deciso di installare, nei posti popolari, le Rail Seats: un elemento composito che misura 48 centimetri, che non è più ingombrante di un normale seggiolino da impianto sportivo e che è caratterizzato da una seduta richiudibile e una struttura tubolare posizionata a circa un metro da terra che funge da appoggio per i tifosi della fila di dietro. Grazie ai Rail Seats, infatti, i tifosi possono godere di una maggiore libertà di movimento, della possibilità di stare seduti o in piedi in qualunque momento della partita rimanendo nel proprio spazio, in totale sicurezza e senza intralciare la visuale delle file dietro di lui.

Immaginate, dunque, chiudendo gli occhi anche soltanto per un momento, di vedere la Kop di Anfield, lo Shed End di Stamford Bridge, lo Strettford End dell’Old Trafford o il North Stand di Etihad con i fans in piedi come prima del 1989, prima del Rapporto Taylor che cancellò ogni idea di settore popolare e di tifo rimanendo in piedi. Il Rapporto Taylor fu redatto da una commissione presieduta dal giudice Peter Taylor su mandato del governo britannico con l’obiettivo di far luce sulla strage dell’Hillsborough Stadium del 1989, in cui morirono 96 persone a causa dell’organizzazione molto più che lacunosa della semifinale di FA Cup tra il Liverpool e il Nottingham Forest, che permise l’accesso al settore dei supporters liverpudlian ben oltre la reale capacità della curva. Secondo Taylor stare seduti avrebbe garantito una maggior sicurezza perché «ognuno ha il suo piccolo pezzo di territorio in cui può sentirsi ragionevolmente protetto e non sbalzato dai movimenti e dalla pressione di altre persone». Ora, oltre 30 anni dopo, si ritorna al passato, si ritorna ai settori popolari con solo posti in piedi. Si ritorna al colore, alla passione, al football come sport proletario e non solo più come business.

Champions League 2023, Istanbul ospiterà la finale
Guarda il video
Champions League 2023, Istanbul ospiterà la finale

Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi!

Commenti

Loading...