Coppa Libertadores: rilasciati i giocatori del Boca dopo la rissa con l'Atletico

È stato dato il via libera per tornare a casa agli otto calciatori trattenuti a seguito della violenta lite che li ha coinvolti durante l'ottavo di finale

Coppa Libertadores: rilasciati i giocatori del Boca dopo la rissa con l'Atletico© EPA

Non proprio ore tranquille per il Boca Juniors che, a seguito della lite scoppiata al termine dell'incontro di Coppa Libertadores contro l'Atletico Mineiro, si è ritrovato nel commissariato di Belo Horizonte per 12 ore consecutive. Sono stati poi rilasciati su cauzione i giocatori e i dirigenti del Boca, posti in stato di fermo dopo i violenti disordini che hanno obbligato la polizia brasiliana ad intervenire. Nell'area spogliatoi dello stadio Mineirao si era scatenata la furia degli ospiti, sconfitti ai rigori dopo essersi visti annullare un gol. La delegazione del Boca, composta da una trentina di persone, ha lasciato verso le 12 (ora locale) la stazione di polizia per raggiungere l'aeroporto e tornare a Buenos Aires.

L'accusa ai giocatori

Secondo quanto riporta la polizia, almeno otto persone, di cui sette giocatori e un dirigente, sono stati identificati dalle telecamere di sorveglianza durante la rissa. Quattro di loro sono stati accusati di lesioni personali e hanno firmato un documento in cui si impegnano a comparire prossimamente in tribunale. Per non lasciare soli i propri compagni sottoposti a fermo, l'intera delegazione argentina ha deciso di seguirli. Coloro che non sono stati convocati in commissariato hanno dormito nel club bus parcheggiato nei pressi, sotto la scorta della polizia.

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...