Mondiali femminili, il Camerun minaccia il ritiro nel match con l'Inghilterra
© Getty Images
0

Mondiali femminili, il Camerun minaccia il ritiro nel match con l'Inghilterra

Clamorosa protesta delle africane per due interventi da parte del Var: gara sospesa per parecchi minuti. Alla fine le britanniche vincono 3-0 e approdano ai quarti di finale

domenica 23 giugno 2019

VALENCIENNES (Francia) - Clamorosa protesta del Camerun che, per due volte, ha minacciato di abbandonare il match contro l’Inghilterra, valido per gli ottavi di finale dei Mondiali femminili in Francia. Le ragazze africane, sconfitte per 3-0 dalle inglesi, hanno dapprima duramente contestato la decisione del Var in occasione del raddoppio, incassato allo scadere del primo tempo ad opera della White. L’arbitro cinese Qin Liang ha inizialmente annullato la marcatura, per poi convalidarla grazie al Var. Le giocatrici del Camerun hanno però protestato con veemenza a causa della bandierina alzata dalla guardalinee, che le avrebbe fatte fermare durante l’azione. Dopo oltre sei minuti di stop, con le africane che hanno minacciato il forfait, si è poi ripreso a giocare.

Annullato con il Var un gol del Camerun

All’inizio del secondo tempo è scoppiato di nuovo il caos quando, ancora tramite il Var, è stata annullata la rete della Nchout, che avrebbe riaperto il match per il Camerun. Le giocatrici africane hanno nuovamente minacciato di lasciare il campo, prima di essere convinte dall’arbitro a proseguire l’incontro, poi vinto dall’Inghilterra per 3-0. Nei quarti di finale le britanniche affronteranno la Norvegia.

Mondiali femminili Camerun Inghilterra Var

Commenti

La Prima Pagina