Tuttosport.com

Calciomercato, Milan venduto al Qatar per 750 milioni. Berlusconi lascia il club
© www.imagephotoagency.it

Calciomercato, Milan venduto al Qatar per 750 milioni. Berlusconi lascia il club

Il fondo sovrano di Doha (disponibilità: 526 miliardi di euro) sbarca in Italia, dopo avere acquistato il Psg nel 2011. Bruciati sul tempo Bee Taechaeubol e la cordata cinesetwitta

venerdì 1 aprile 2016

MILANO - Silvio Berlusconi ha venduto il Milan al fondo sovrano del Qatar (Qatar Investment Authority, d’ora in avanti QIA): un affare da 750 milioni di euro. La notizia è trapelata nel primo pomeriggio negli ambienti finanziari milanesi e, in attesa di conoscere ulteriori dettagli, non è azzardato affermare che ci troviamo di fronte a una svolta storica, per il Milan e per il calcio italiano. La QIA in Europa fa riferimento a Nasser Ghanim Al-Khelaïfi, 42 anni, imprenditore ed ex tennista qatariota, ministro senza portafoglio del governo di Doha, presidente del Paris St-Germain, acquistato nel 2011 e alla cui guida ha appena rivinto lo scudetto francese. Il fondo sovrano del Qatar ha una disponibilità finanziaria pressoché illimitata (600 miliardi di dollari: al cambio odierno sono circa 526 miliardi di euro) e, in questi anni, ha operato investimenti per miliardi di dollari ai quattro angoli del globo. In particolare, la QIA possiede grandi quote di Barclays, Sainsbury's,Harrods, Volkswagen, Walt Disney, The Shard, Heathrow Airport, Siemens, Royal Dutch Shell, nonché una quota del più alto edificio d'Europa, lo Shard London Bridge. La QIA ha apposto il suo marchio in calce allo sviluppo del modernissimo quartiere di Porta Nuova di Milano e al rilancio ai massimi livelli dell’Hotel Gallia, sempre a Milano, storica sede del calciomercato, nonché di molti complessi alberghieri turistici della Costa Smeralda in Sardegna, dell'ex ospedale San Raffaele di Olbia è sponsor del Barcellona.

PESCI D'APRILE :-) ISCO ALLA JUVE, MILAN AL QATAR, ALLEGRI VIA DA TORINO

MILAN, LA PANCHINA E' UN REBUS

DONNARUMMA, IL PREDESTINATO

Al Khelaifi fa capo direttamente a Tamim bin Hamad al-Thani, 35 anni, attuale emiro del Qatar che il 2 marzo scorso, in occasione della visita in Italia, ha dichiarato di essere tifoso della Lazio. Il fondo sovrano qatariota ha battuto sul filo di lana la cordata di Bee Taechaeubol, il broker thailandese che il 31 luglio scorso aveva pubblicamente dichiarato di essere prato a investire 480 miliardi di euro per acquisire il 48% del pacchetto azionario milanista, salvo poi volatilizzarsi. Al punto che, prima del colpo di scena odierno, sembravano favoriti i cinesi facenti capo a una cordata di imprenditori diretta espressione del governo di Pechino: la loro offerta (600 milioni di euro per rilevare l’intero club rossonero) si era scontrata con il veto posto da Silvio Berlusconi alla cessione totale della società, che egli possiede da trent’anni. A risolvere la situazione ci hanno pensato i ricchissimi qatarioti in un primo di aprile d’ora in avanti doppiamente caro ai tifosi rossoneri: oggi si festeggia il settantesimo compleanno di Sacchi. Miglior regalo non poteva arrivare. Per Arrigo e per i sostenitori del Milan.

Tags: CalciomercatoMilanBerlusconi

Tutte le notizie di Calciomercato

Approfondimenti

Commenti