Tuttosport.com

Parma, è il giorno di Inglese:
© LAPRESSE
0

Parma, è il giorno di Inglese: "Spero di ripagare lo sforzo economico della società"

La punta: "Avevo altre offerte ma volevo questo club a tutti i costi. D'Aversa? Co lui si è creato un legame particolare. Quest'anno siamo più fisici della scorsa stagione"

venerdì 19 luglio 2019

PRATO ALLO STELVIO - Obiettivo numero uno della dirigenza del Parma, di Roberto D'Aversa e dei tifosi ducali, Roberto Inglese alla fine è tornato a vestire la maglia crociata. “Avevo trattative in atto però prima di tutto ho messo il Parma perché ho trovato persone che mi hanno voluto bene, che mi hanno accolto in maniera splendida e sicuramente è stata la mia prima scelta - esordisce l'attaccante pugliese in conferenza stampa - Ho voluto fortemente tornare qui e devo ringraziare tutta la dirigenza e la presidenza per lo sforzo economico per portarmi qui, cercherò di dare il massimo per ripagare la loro fiducia”. Inglese prosegue:“L'anno scorso uno spartiacque per la mia carriera? Sono parecchi anni che sento parlare di una mia esplosione, quando un giocatore gioca da quattro/cinque anni in Serie A non abbia raggiunto il suo limite ma è abbastanza consacrato. Sicuramente rispetto all’anno scorso dovremo migliorare i numeri, specialmente a livello personale. Ho cinque anni di tempo per mostrare alla società e a tutti quelli che lavorano nel Parma che hanno fatto un bell’investimento e che era giusto puntare su di me. Ero cercato da tante squadre, la differenza l’ha fatta la mia volontà di tornare a Parma a tutti i costi, ma anche la voglia messa dal direttore e dal presidente di portarmi qui subito e di chiudere in fretta la trattativa. Non posso fare altro che ringraziarli e sono contento che questo matrimonio si sia fatto col consenso di tutte le parti”.

"Allestita squadra più tecnica e fisica"

Arrivato a tre giorni dalla fine del mercato lo scorso anno, ora il centravanti di Lucera ha tutto il tempo per lavorare:
“Conosco già i compagni, l’ambiente e i metodi del mister, però sicuramente i metodi di lavoro quando cambi squadra sono molto differenti quindi è un valore aggiunto arrivare qui in ritiro e lavorare con lo staff e i compagni”. L'obiettivo resta sempre la salvezza: “Dobbiamo ripartire da quanto di buono si è fatto l’anno scorso, la Serie A è un campionato difficile, a febbraio tutti parlavano di noi come se dovessimo arrivare in Europa, poi ci siamo salvati nelle ultime due giornate. Ripartiamo dalla salvezza poi con gli acquisti e con la programmazione fatta più in là potremmo divertirci”. Punto di partenza resta il 4-3-3: “Sicuramente è stata allestita una squadra più tecnica e più fisica dell’anno scorso, sono i primi giorni che vedo all’opera i primi arrivati ma sicuramente miglioreremo qualcosina a livello tecnico. Siamo ripartiti da quello che avevamo fatto l’anno scorso, sono i primi giorni ed è difficile dare delle indicazioni ben precise, anche perché i nuovi devono ancora inserirsi. Giorno per giorno lavoreremo per migliorare quanto fatto l’anno scorso. Sono arrivato la scorsa estate non c’è bisogno di fare i numeri o quant’altro, sicuramente bisogna sempre guardare in avanti rispetto a quello fatto l’anno precedente, sia a livello di squadra che personale”.

"Contento per le idee e il modo di giocare di D'Aversa"

D'Aversa ha rivestito un ruolo importante nel ritorno di Inglese in Emilia: “L’anno scorso si è creato un legame particolare con il mister, è inutile negare che abbiamo un buon feeling venendo anche dalla stessa terra. E’ stato subito uno degli allenatori con cui mi sono trovato meglio. E il modo di giocare in cui sono lì da solo in avanti è quello che prediligo, sono contento sia per le sue idee sia per il suo modo di giocare. Questo ha fatto la differenza". Roberto traccia un bilancio parziale della sua carriera: “Ogni anno si parla della mia consacrazione, per chi guarda questo sport si intendono i gol ma io vado più su un aspetto tecnico. Sono venuto in una realtà che mi appartiene, che non è una realtà di fioretto ma su cui ci basino più sulla fisicità che sul gioco palla, ma abbiamo tempo per migliorare anche quello che non fa parte del nostro bagaglio. In cinque anni cercheremo di migliorare e di giocare meglio a pallone”.

"Nello spogliatoio ho costruito rapporti importanti"

Statisticamente il secondo anno è sempre migliore del primo per Inglese: “Io ho sempre cercato di migliorare quello fatto l’anno precedente e ci sono sempre riuscito. Nella vita se si prova a migliorarsi ci si riesci, se uno si crede arrivato fa un grave errore. La mia carriera ha dimostrato che non mi sono mai tirato indietro e cercherò di farlo anno dopo anno visto l’investimento della società”. Dezi, Sepe e Grassi scherzavano dicendo di esser diventati vecchi ad aspettare il loro amico: “Al di là dello staff tecnico e dei compagni, ho costruito dei rapporti importanti all’interno dello spogliatoio. Non sono una persona materialista, guardo molto anche agli aspetti umani e ai rapporti. Tra il giocarmi palcoscenici più importanti e l’essere felice venendo qui ho scelto la seconda, dove ho trovato una seconda famiglia che mi ha dimostrato di volermi bene e me lo ha testimoniato nel mio ritorno”. Sulla Nazionale: “Sicuramente è un obiettivo che mi sono posto, giocare con continuità e cercare di arrivare a quella maglia che ho indossato ma con cui non ho ancora esordito ufficialmente. Facendo bene io e la squadra cercheremo di toglierci questa soddisfazione”.

Serie A parma napoli inglese Grassi Sepe faggiano

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...

Calciomercato in Diretta

La Prima Pagina