Emre Can-Rakitic, l’affare decolla: Juve e Barcellona caldissime, adesso si tratta

La missione catalana di Paratici ha innescato un discorso ampio con il club spagnolo: lo scambio fra il croato e il tedesco è l’ipotesi più concreta, ma i due club ragionano anche su altri nomi. Il bianconero manda segnali di scontentezza per le gerarchie e rischia di finire fuori dalla lista Champions. Il blaugrana sta pensando a una nuova esperienza

Emre Can-Rakitic, l’affare decolla: Juve e Barcellona caldissime, adesso si tratta

TORINO - Rakitic alla Juventus e Emre Can al Barcellona. L’idea impostata a tavola lunedì sera, quando il ds juventino Fabio Paratici ha incontrato i colleghi blaugrana in Catalogna, col passare delle ore sta diventando un’ipotesi sempre più concreta. La linea tra i due club è rovente e i discorsi coinvolgono anche altri giocatori (di sotto i dettagli su Mandzukic e il giovane spagnolo Miranda). La riuscita del puzzle Rakitic-Emre Can non è ancora scontata, ma i primi segnali sono chiari e positivi: Juventus e Barcellona stanno ragionando seriamente all’incastro.

 

Emre Can-Rakitic, perché lo scambio

PERCHÈ LO SCAMBIO - L’idea pare sia stata buttata sul tavolo dal Barcellona, ma Paratici ha colto immediatamente la potenziale opportunità. E’ vero che Emre Can è arrivato appena dodici mesi fa, è giovane (25 anni) ed è un signor giocatore. Nelle ultime settimane, però, l’ex Liverpool è retrocesso nelle gerarchie di Maurizio Sarri tanto da cambiare i programmi della dirigenza. Inizialmente Paratici avrebbe voluto sfoltire il centrocampo congedando i più anziani del reparto (Khedira e/o Matuidi), ma l’ascesa del tedesco ex Real Madrid ha finito per penalizzare Emre Can. I giocatori sono abituati a contarsi e l’ex Liverpool ha capito chiaramente che nell’anno dell’Europeo rischia di avere almeno cinque compagni davanti a lui nelle preferenze di Sarri: da Khedira a Pjanic, da Rabiot a Bentancur aspettando il miglior Ramsey. Visto il traffico e il conseguente rischio di finire fuori dalla lista Champions, da qualche giorno il centrocampista di origini turche ha iniziato a valutare l’opzione di lasciare Torino dopo appena una stagione. Se Bayern Monaco e Psg hanno colto gli spifferi e si sono riattivate, quello del Barcellona si prospetta come il treno inaspettato al momento giusto. Salutare Cristiano Ronado per trasferirsi alla corte di Leo Messi è una prospettiva affascinante e non capita tutti i giorni.

Leggi l’articolo completo sull’edizione odierna di Tuttosport

Demiral a casa Juve tra Pallone d'Oro, Champions e la 4 di Montero
Guarda la gallery
Demiral a casa Juve tra Pallone d'Oro, Champions e la 4 di Montero

Commenti