Percassi: "Ibrahimovic all'Atalanta? Siamo poveretti, costa troppo"

Il presidente nerazzurro smentisce l'interessamento per il campione svedese: "Non abbiamo le entrate dei grandi club. Cedere Kulusevski? Valuteremo a fine campionato, ma alle nostre condizioni"

Percassi: "Ibrahimovic all'Atalanta? Siamo poveretti, costa troppo"© Marco Canoniero

ZINGONIA (Bergamo) – Il presidente dell’Atalanta Antonio Percassi smentisce qualsiasi interessamento per Zlatan Ibrahimovic, che da ieri è ufficialmente libero di cercarsi una nuova squadra per gennaio: “Ibrahimovic è un grandissimo giocatore – spiega Percassi a margine dell'inaugurazione dell'Accademia Mino Favini - ma non possiamo permettercelo. Noi siamo dei poveretti". Il patron del club bergamasco entra nel dettaglio: “Non abbiamo le entrate dei grandi club, pur con risultati miracolosi restiamo una realtà provinciale coi piedi per terra. A certe cifre non possiamo competere. Abbiamo i piani e le idee chiare su stadio e Zingonia da completare: servono ancora alcuni milioni, per il Centro Bortolotti ne abbiamo già spesi quattro. Cedere Kulusevski o chiunque altro? A fine campionato si valuta, ma alle nostre condizioni”.

Ibrahimovic dice addio alla MLS e saluta i tifosi
Guarda il video
Ibrahimovic dice addio alla MLS e saluta i tifosi

Percassi: "Mi aspetto la qualificazione in Champions"

L’Atalanta, quinta in Serie A e ancora in corsa per la qualificazione in Champions League, è attesa da tante gare importanti dopo la pausa per le nazionali: “Con Juve e Dinamo Zagabria, visto che sono due grandi squadre, saranno grandi partite – dice Percassi - in Champions ci aspettiamo la qualificazione. È importante che torni Zapata, ci è mancato. Il secondo tempo col Manchester City è stato strepitoso, è per questo che ci crediamo”.

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti