Mirabelli consiglia: "Napoli, prendi Kessie"

L'ex ds del Milan: "E' un giocatore straordinario, Giuntoli farebbe un vero affare"

© canoniero

NAPOLI - Il problema resta nel numero dei gol subiti, piuttosto che in quelli sbagliati e dei legni colpiti finora, 9 in campionato e 4 in Champions. Il vero handicap del Napoli continua ad essere quello delle reti incassate: 18 in 16 gare stagionali e soltanto in 6 occasioni la squadra ha chiuso il match con la porta inviolata. Sono numeri decisamente scadenti, per poter aspirare ai grandi obiettivi, ed è proprio su questo che Ancelotti sta lavorando. Come fare per rendere il Napoli meno scoperto? Bisogna utilizzare un centrocampista in più, modificando il modulo di gioco che non ha mai convinto troppo (il 4-4-2) oppure inserendone uno in più all’interno del sistema sul quale Ancelotti si sente più sicuro. Da Castelvolturno arrivano indicazioni relativamente ad una novità soprattutto su questo versante, con la rinuncia ad un esterno d’attacco, e rendere la metà campo più solida. Bisogna aspettare che domani rientri dalla nazionale Zielinski (stasera sarà impegnato in Polonia-Slovenia), così che Ancelotti possa provarlo nella struttura geometrica apparentemente simile a quella precedente, ma con caratteristiche che consentirebbero al team azzurro di proteggere meglio la difesa e permettere a Fabian Ruiz maggiore libertà in fase offensiva. 

Il Napoli non vince più. E il San Paolo fischia…
Guarda la gallery
Il Napoli non vince più. E il San Paolo fischia…

Mirabelli consiglia Kessie

Oggi sono attesi a Castelvolturno i rientri di Fabian Ruiz, Insigne, Meret e Di Lorenzo, per poi completare tutto il gruppo entro giovedì, giorno in cui Ancelotti preparerà a ritmo sostenuto la strategia per la sfida di sabato pomeriggio a Milano. Dalla gara contro i rossoneri dovrebbe mancare Kessie, ormai fuori dai piani tattici del Milan: è rimasto in panchina con la Lazio e non è stato convocato contro la Juventus. Ma l’ivoriano potrebbe essere un obiettivo del Napoli per il mercato di gennaio? Kessie è da sempre un pallino del ds Cristiano Giuntoli, però per la finestra di contrattazioni invernale sembrerebbero essere in vantaggio il Monaco ed il Wolverhampton. L’ex ds che lo aveva portato al Milan, Massimo Mirabelli, ha consigliato il Napoli di non lasciarselo scappare. «Kessie è uno dei centrocampisti più importanti in Italia - ha ricordato Mirabelli a Radio Marte - è giovane, ha una struttura fisica importante: è straordinario. Kessie sta soffrendo il poco feeling con il Milan ed auguro al Napoli di prenderlo, perché farebbe il colpo del secolo. Giuntoli è un conoscitore del calcio e chiunque prenderà Kessie, farà un grande affare. Farà cose importantissime perché non gli manca nulla, forse solo una squadra che gli dia più fiducia».

Napoli, Fabian Ruiz non rinnova: vuole il Barça
Guarda il video
Napoli, Fabian Ruiz non rinnova: vuole il Barça

Commenti