Inter, a Conte serve un contropiedista: idea Gervinho a gennaio

I buoni rapporti col Parma possono favorire l'affare low cost

© www.imagephotoagency.it

MILANO - Per il mercato di gennaio torna di moda un Gervinho nella mente dell’Inter. In realtà l’attaccante ivoriano e i nerazzurri sono stati vicinissimi l’ultimo giorno di mercato, quando sembrava poter arrivare sul gong un’intesa. Nell’affare sarebbe dovuto entrare anche Andrea Pinamonti, tornato dal Genoa, che sarebbe stata la moneta di scambio girata dagli interisti al Parma. Alla fine, però, tutto è sfumato. Gervinho è rimasto in Emilia e col Parma ha già giocato 4 match in campionato, senza però lasciare traccia, per ora. Una mezza delusione, considerando quanto sia stato importante per il campionato della squadra nella passata stagione.

L'Inter si ferma alle traverse colpite da Barella e Lukaku: con lo Shakhtar è 0-0
Guarda la gallery
L'Inter si ferma alle traverse colpite da Barella e Lukaku: con lo Shakhtar è 0-0

Pinamonti, dal canto suo, non è che stia vedendo un granché il campo. Due finora le sue presenze: 18’ a Genova e 5’ finali a Kiev, in Champions, contro lo Shakhtar. Proprio a Kiev, però all’Inter per come si era messa la partita, forse più di un Pinamonti sarebbe servito un Gervinho. Perché quando Lukaku cerca qualcuno che gli dia una mano a giocare in campo aperto, le opzioni sembrano latitare. Ne avrebbe avuto bisogno contro gli ucraini (soprattutto visto il Lautaro di questi tempi di magra) e ce ne sarà bisogno ogni qual volta che le condizioni della partita richiedano un contropiedista da affiancare al belga.

Commenti