De Ligt è incedibile: la Juve ha detto no a Chelsea e Barcellona

Il centrale olandese per il club bianconero è al centro del progetto. Un eventuale addio soltanto in caso di offerte all’altezza

De Ligt© /Ag. Aldo Liverani

TORINO - Un corteggiamento prima discreto, poi più insistente. Con sempre la identica risposta “no, grazie”. L’oggetto del desiderio è Matthijs de Ligt, le richieste sono arrivate - in ordine temporale - prima dalla Premier League, quindi dalla Liga. E se sulla prima avance ora si è chiarito chi l’avesse fatta (il Chelsea e non il Manchester United), sulla seconda si è subito saputo bene chi avesse bussato alle porte della Juventus. E si tratta proprio del club che, fino all’ultimo momento, aveva cercato di portare a casa il talento difensivo cresciuto nell’Ajax: ovvero, il Barcellona. La storia risale a due stagioni fa, quando la banda di ragazzini allenata da Erik ten Hag sfiorava la finale di Champions League, eliminata al penultimo atto dal Tottenam, dopo aver buttato fuori la Juventus ai quarti. All’epoca i blaugrana avevano conquistato cuore e prestazioni di Frenkie de Jong e avevano cercato di rinvigorire la tradizione olandese mettendo sotto contratto anche il “gemello” De Ligt. Un tentativo andato a infrangersi di fronte al gioco d’anticipo bianconero e alla determinazione del centrale, che aveva detto sì a un contratto quinquennale da 7 milioni e mezzo netti a stagione, con 75 milioni che avevano preso la via di Amsterdam e altri 10 e mezzo quella di Mino Raiola, agente del talento, sotto la forma di “oneri accessori”.

Juve, concentrazione al massimo verso il Milan. In gruppo anche Demiral e Ramsey
Guarda la gallery
Juve, concentrazione al massimo verso il Milan. In gruppo anche Demiral e Ramsey

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...