Così il Torino blinda Vlasic: acquisto anticipato, scadenza nel 2027

Il caso Brekalo insegna: il diritto di riscatto stabilito col West Ham si esaurirà a giugno, ma già tra dicembre e gennaio inizieranno le trattative
Così il Torino blinda Vlasic: acquisto anticipato, scadenza nel 2027 © LAPRESSE

TORINO - Avete presente Brekalo? Ecco, appunto. Anche sul Manuale delle Giovani Marmotte hanno deciso di dedicargli una pagina: lesson one, cosa fare, cosa non fare.  
«Siete gentilissimi a voler acquistarmi, davvero mi levo il cappello. Ma in tutta onestà io non ho mica tanta voglia di restare. A luglio chiederei di essere ceduto. E allora forse è meglio che non mi compriate, così sarò libero di tornare al Wolfsburg. Tanto lì non mi vogliono più. E dopo la buona annata che ho disputato, mi cercheranno in tanti. Dovrò solo scegliere tra chi giocherà in Champions e chi in Europa League. Il mio contratto scadrà già nel 2023. Per cui i tedeschi dovranno vendermi per forza a chi dico io, altrimenti tra un anno mi perderanno gratis». Da marzo in poi, Brekalo (che intanto stava già operando anche per cambiare agenti) iniziò effettivamente a parlare così. Cairo, Vagnati e Juric si sentirono fin traditi, man mano. Spendere 11 milioni per mettersi in casa un elemento del genere sarebbe stato un boomerang. E alla fine, a malincuore, il club granata si tirò indietro: a questo punto, tanti saluti e addio.  
Per la cronaca: oggi il Torino è felicissimo di aver ingaggiato Radonjic e Vlasic, nel ruolo. Mentre Brekalo è tornato a essere un semipanchinaro del Wolfsburg. Con il contratto sempre in scadenza nel 2023. In Bundesliga sinora ha raccolto appena 4 presenze in 6 giornate, di cui 2 solo da titolare. E ovviamente non gioca in Europa (avevano chiuso al 12° posto in campionato, i tedeschi). Tant’è.  
In ogni caso, sul Manuale delle Giovani Marmotte c’è scritto proprio così, a un certo punto: occhio, Toro, pensando a Vlasic. Imparata la lezione?

La chiave per blindare Vlasic

Fin a memoria, l’hanno imparata. Tanto è vero che già tra dicembre e gennaio il club granata darà il via a nuove trattative con gli agenti del ragazzo e con il West Ham per evitare di correre rischi simili. Se il rendimento di Vlasic dovesse continuare sulla falsariga attuale, non ci sarebbe dubbio sulla volontà del club di ingaggiarlo a titolo definitivo. La chiave non è tanto il prezzo (il diritto di riscatto balla intorno ai 15 milioni, da tradurre in un pagamento pluriennale rateizzato), quanto le tempistiche dell’acquisto. E la volontà dello stesso Nikola. Che già ad agosto, sull’onda del corteggiamento del Torino e di Juric in particolare, generoso nelle sue telefonate preventive al connazionale, fece tuono e fulmini per lasciare il West Ham e correre da Ivan in cerca di una resurrezione sportiva. In Inghilterra era così ai margini che, al confronto, Brekalo si trovava in Paradiso, nel Wolfsburg. Il diritto di riscatto di Vlasic scadrà, formalmente, a giugno. Ma non potrà essere la fine del campionato il momento per fare la punta alla matita: e prendere una decisione. Con la conclusione del mercato di gennaio, quando comunque il Torino proverà già a comprendere se il West Ham sarà disposto a cederlo a condizioni economiche migliori in caso di un riscatto immediato, anticipato (difficile, e comunque dipenderà anche dal rendimento del giocatore ai Mondiali), le prime decisioni dovranno già essere prese nell’ottica di chiudere la partita, d’intesa con Vlasic, già alla fine dell’inverno, al più tardi. Per evitare, per l’appunto, il rischio di nuovi casi Brekalo, a posteriori.  
Nikola ha anche tutto un altro carattere, rispetto a Josip: faticheremmo davvero a immaginarci con lui un replay del pandemonio dello scorso maggio. Per approdare in granata, Vlasic ha anche accettato di ridursi l’ingaggio di 500 mila euro. A sua volta il Torino, per cominciare a proiettarsi meglio sull’opzione dell’acquisto e dare maggiori garanzie a Nikola, gli ha già fatto firmare un contratto sino al 2027 (dunque più lungo rispetto a quello in Inghilterra), che entrerebbe automaticamente in vigore in caso di riscatto. Nikola, quando trattava col Torino un mese e passa fa, aveva chiesto di non arrivare a marzo in bilico tra riscatto sì, riscatto no. Così da poter arrivare lanciato sul mercato estivo, casomai il Torino non fosse dell’idea di acquistarlo. In cambio, dati anche i buoni rapporti tra il club e gli agenti del ragazzo, Vlasic si è impegnato non solo a firmare quel contratto sino al ‘27, ma anche a chiudere anzitempo ogni finestra alternativa sul mercato, di fronte alla possibilità che il club gli ufficializzi già nei primi mesi del nuovo anno la ferma intenzione di acquistarlo. Sono rapporti umani, professionali e patti che si appoggiano su contratti già firmati, non castelli di carte. Per questo meritava svelare fin d’ora questi retroscena. In attesa, quanto ai destini del croato, di un primo pit stop tra il Torino e Nikola già a dicembre.  

Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi!

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...