Toro, Juric vuole tre esterni: si tratta Pedersen

Dopo Bellanova servono altri due rinforzi di valore:  sul terzino del Feyenoord c'è anche l'Inter, mentre l’altro obiettivo caldo resta Doig
Toro, Juric vuole tre esterni: si tratta Pedersen© EPA
TORINO - Tre esterni di centrocampo forti e un quarto che possa essere l’alternativa ai titolari. Sì, perché con i cinque cambi, e considerato il dispendio di energie che Juric chiede agli uomini di fascia - non a caso i più sostituiti assieme ai due attaccanti esterni o trequartisti che dir si voglia - di fatto il numero dei titolari sulle corsie granata deve salire a tre unità. I due che scendono in campo dall’inizio, più il primo cambio, quello che generalmente entra attorno all’ora di gioco.
Ecco perché, dopo aver chiuso per Bellanova con il Cagliari, adesso Vagnati punta a integrare il reparto con altri due elementi di pari valore rispetto all’Under 21 azzurro. Dopo essersi portato avanti per Doig, senza tuttavia chiudere per lo scozzese del Verona sul quale sono rischiosamente piombate anche Lazio e Sassuolo, e con poche speranze di riaprire la pista Acuna per le mire dell’argentino del Siviglia che vuole continuare a disputare le coppe europee, ora il dt ha aperto un confronto con il Feyenoord per Marcus Pedersen. Terzino che predilige giocare a destra, ma che può anche muoversi da sinistra. Al club olandese è legato da un contratto ancora lungo, con scadenza fissata nel 2026. Il prezzo si aggira sui 7 milioni di euro, una cifra adeguata per una certezza degli ultimi due campionati olandesi, nonché per un ragazzo che soltanto domenica ha compiuto 23 anni ma che, nonostante la giovane età, ha già messo assieme 18 presenze con la nazionale norvegese. Un approdo naturale, per un giocatore protagonista anche con le giovanili del suo paese.

Su Pedersen c'è anche l'Inter

Su Pedersen nei giorni scorsi si è registrato pure l’interesse dell’Inter, che però ha chiuso per Cuadrado non avendo più in Pedersen una priorità. Le dinamiche del mercato potranno portare i nerazzurri a investire per un ulteriore terzino destro, ma non in questa fase. Il Toro ha insomma una pista se non libera comunque scorrevole, per arrivare al norvegese. Questo mentre, per il discorso dei tre titolari precedentemente affrontato, continua a restare un obiettivo anche Doig. I tempi della chiusura per il gialloblù che si stanno allungando non favoriscono i granata, ma lo scozzese resta un obiettivo caldo, per il Toro. «È arrivato Bellanova. Per Vlasic, Doig e altri adesso vedremo», aveva dichiarato Cairo qualche giorno fa. Implicitamente mettendo lo scozzese tra gli imprescindibili, assieme a quel Vlasic che Juric è disponibile ad attendere fino all’ultimo istante utile del mercato in corso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TORINO - Tre esterni di centrocampo forti e un quarto che possa essere l’alternativa ai titolari. Sì, perché con i cinque cambi, e considerato il dispendio di energie che Juric chiede agli uomini di fascia - non a caso i più sostituiti assieme ai due attaccanti esterni o trequartisti che dir si voglia - di fatto il numero dei titolari sulle corsie granata deve salire a tre unità. I due che scendono in campo dall’inizio, più il primo cambio, quello che generalmente entra attorno all’ora di gioco.
Ecco perché, dopo aver chiuso per Bellanova con il Cagliari, adesso Vagnati punta a integrare il reparto con altri due elementi di pari valore rispetto all’Under 21 azzurro. Dopo essersi portato avanti per Doig, senza tuttavia chiudere per lo scozzese del Verona sul quale sono rischiosamente piombate anche Lazio e Sassuolo, e con poche speranze di riaprire la pista Acuna per le mire dell’argentino del Siviglia che vuole continuare a disputare le coppe europee, ora il dt ha aperto un confronto con il Feyenoord per Marcus Pedersen. Terzino che predilige giocare a destra, ma che può anche muoversi da sinistra. Al club olandese è legato da un contratto ancora lungo, con scadenza fissata nel 2026. Il prezzo si aggira sui 7 milioni di euro, una cifra adeguata per una certezza degli ultimi due campionati olandesi, nonché per un ragazzo che soltanto domenica ha compiuto 23 anni ma che, nonostante la giovane età, ha già messo assieme 18 presenze con la nazionale norvegese. Un approdo naturale, per un giocatore protagonista anche con le giovanili del suo paese.

Su Pedersen c'è anche l'Inter

Su Pedersen nei giorni scorsi si è registrato pure l’interesse dell’Inter, che però ha chiuso per Cuadrado non avendo più in Pedersen una priorità. Le dinamiche del mercato potranno portare i nerazzurri a investire per un ulteriore terzino destro, ma non in questa fase. Il Toro ha insomma una pista se non libera comunque scorrevole, per arrivare al norvegese. Questo mentre, per il discorso dei tre titolari precedentemente affrontato, continua a restare un obiettivo anche Doig. I tempi della chiusura per il gialloblù che si stanno allungando non favoriscono i granata, ma lo scozzese resta un obiettivo caldo, per il Toro. «È arrivato Bellanova. Per Vlasic, Doig e altri adesso vedremo», aveva dichiarato Cairo qualche giorno fa. Implicitamente mettendo lo scozzese tra gli imprescindibili, assieme a quel Vlasic che Juric è disponibile ad attendere fino all’ultimo istante utile del mercato in corso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Loading...
1
Toro, Juric vuole tre esterni: si tratta Pedersen
2
Pagina 2