Tuttosport.com

Zeman spiega la finale di Cardiff: «Juventus debole mentalmente»
© ANSA

Zeman spiega la finale di Cardiff: «Juventus debole mentalmente»

Il boemo ha analizzato la sconfitta dei bianconeri in Champions League contro il Real Madridtwitta

lunedì 5 giugno 2017

TORINO - Zdenek Zeman non perde mai l'occasione per parlare di Juventus. Il boemo ha commentato la sconfitta dei bianconeri in finale di Champions League intervenendo ai microfoni di "Non è un paese per giovani" su Radio 2: «La Juve aveva fatto bene all'inizio anche se bisogna poi capire se gliel'hanno permesso... Nella ripresa però non aveva più forza, era più in difficoltà fisica che tecnica». Per l'ex allenatore della Roma il crollo è scaturito dalla errata gestione mentale: «Forse ha pensato troppo a questa finale e non è riuscita a giocare con serenità e tranquillità»

Juve, i giocatori nel mirino

TOTTI VUOLE GIOCARE - «Totti avrebbe voglia di giocare ancora ma non glielo permettono. Abbiamo parlato la scorsa settimana, vuole continuare a giocare ma dipende dalle condizioni - spiega il tecnico boemo - Non doveva finire così, doveva essere lui a decidere quando smettere, non gli altri. Usa e Cina? So che lo vorrebbero, non deve fare l'ambasciatore - in riferimento alle parole di Pallotta - La qualità è ancora importante e spero che possa andare a giocare da qualche parte, con qualche squadra importante. Totti al Pescara? Vorrebbe fare ancora qualcosa di competitivo altrimenti un provino glielo farei...»

Tags: JuventusZemanChampions League

Tutte le notizie di Champions League

Approfondimenti

Commenti