Champions League, Ferencvaros-Juve 1-4: che spettacolo Morata e Dybala!

Missione compiuta per i bianconeri che travolgono in Ungheria gli avversari con una doppietta dello spagnolo e il sigillo della Joya

© Juventus FC via Getty Images

Missione compiuta. Tutt’altro che impossibile, ma compiuta ed è quello che conta. La Juventus vince in scioltezza alla Puskas Arena di Budapest, contro un Ferencvaros decisamente morbido, e chiude di fatto il discorso qualificazione agli ottavi, visto il ko della Dynamo Kiev a Barcellona: bianconeri a +5 su ungheresi e ucraini, battuti entrambi a casa loro. Per compiere anche la missione impossibile che varrebbe il primo posto, vincere con almeno due gol di scarto a Barcellona l’8 dicembre, la Juve dovrebbe crescere ancora molto: ma ha un mese di tempo e soprattutto può farlo in serenità. La sua strada in Champions continuerà comunque.

Juve show in Champions, che poker al Ferencvaros
Guarda la gallery
Juve show in Champions, che poker al Ferencvaros

Come anticipato alla vigilia, a Budapest Pirlo ritrova Chiellini dal primo minuto in difesa e lascia a riposo Dybala in attacco, affiancando Morata a Cristiano Ronaldo per il debutto stagionale in Champions del portoghese. Al di là degli interpreti - tornano dal 1' anche Ramsey per McKennie e Rabiot per Bentancur - la Juventus si presenta con il solito duplice assetto: 4-4-2 in fase difensiva che si trasforma in un 3-2-3-2 o in un 3-2-4-1 in fase offensiva (nella quale le posizioni sono molto più fluide). Degne di nota la posizione di Chiellini, che come a Kiev resta centrale nella fase di impostazione, con Bonucci sul centrodestra e Danilo sul centrosinistra, e Arthur che come contro lo Spezia si abbassa spesso molto più di Rabiot per iniziare l’azione assieme ai centrali, tanto che a volte diventa uno di loro con Danilo che si allarga e sale.

Ad essere insolita però è la partenza della Juventus, che stavolta non ha bisogno di alcuno schiaffo per svegliarsi: vale quello preso dal Barcellona. I bianconeri in tenuta arancione chiudono all’angolo il Ferencvaros e Cuadrado alla terza incursione in sette minuti trova il varco giusto per servire sul secondo palo Morata che da pochi passi firma il vantaggio. E il quinto gol in sette presenze. Il forcing bianconero continua per un’altra decina di minuti, ma il Ferencvaros resiste e dopo la Juventus rallenta, controllando. I bianconeri vanno comunque vicino al raddoppio con Chiesa, tiro respinto al 25', e soprattutto con Ronaldo al 35', dopo un triangolo chiuso con forse troppo altruismo da Morata e spezzato da un gran recupero di Blazic che devia il pallone che CR7 si sta preparando a calciare a colpo sicuro. In mezzo, però, la Juventus concede anche un’occasione troppo comoda a Zubkov, che calcia a lato.

La ripresa si apre con l’ingresso di Bentancur per Arthur (problemi di stomaco) e con una punizione che Cristiano Ronaldo guadagna e calcia, ma senza impensierire Dibusz. Impensierisce invece Pirlo e tutta la Juventus l’infortunio di Ramsey, che al 7' si ferma e chiede il cambio per un problema muscolare alla gamba destra. Entra McKennie che prende posizione e compiti del gallese e poco dopo la Juve ha la prima vera occasione della ripresa: su gentile omaggio della difesa ungherese, un retropassaggio-assist, Ronaldo è però un po’ troppo egoista nel non servire Morata al centro e un po’ poco preciso nel diagonale da posizione defilata, che finisce a lato. E’ invece chirurgico Morata al 15', quando una finta di McKennie su passaggio da destra proprio di Ronaldo lo mette in condizione di battere di destro dal limite: sesto gol personale e partita chiusa. Chiusa in senso letterale per lo spagnolo, visto che poco dopo Pirlo gli concede mezzora di riposo in vista della Lazio, dando altrettanto tempo di rodaggio a Dybala. La Joya cerca subito il gran gol con un cucchiaio che però è fuori misura, ne trova uno banale su un retropassaggio ancor più fuori misura di Blazic su cui per giunta Dibusz pasticcia: sempre gol è, però, e visto che è il primo stagionale Dybala bacia anche il pallone. Sul 3-0 la missione diventa gestire le energie e Pirlo richiama anche Chiesa e Cuadrado inserendo Frabotta e Bernardeschi. Agli assist continuano comunque a pensarci i giocatori del Ferencvaros: al 36' è Dibusz a servire Dybala in area, che prova a superarlo con un tunnel. Il peccato d’egoismo nei confronti di Ronaldo, solo al centro, per poco non costa il gol, perché il portiere devia permettendo a Dvali di tentare il recupero acrobatico, ma il difensore riesce solo a trasformare la rete della Joya in autorete propria. Allenta la concentrazione anche la Juventus e allo scadere Boli trova il gol della bandiera. Così il finale è 4-1 come contro lo Spezia: domenica contro la Lazio sarà più dura, ma la Juve ci arriva bene.

Da non perdere

Il match

Commenti