Gasperini: "Non leggo nel futuro. Dimissioni? Non ci saranno mai cose traumatiche"

Il tecnico atalantino dopo il successo esterno sull'Ajax: "Abbiamo fermato il loro attacco come l'anno scorso facemmo col Psg. I ragazzi hanno dimostrato personalità e maturità anche in Europa, ma che crudeltà non avere il pubblico"

Gasperini: "Non leggo nel futuro. Dimissioni? Non ci saranno mai cose traumatiche"© EPA

AMSTERDAM - L'Atalanta di Gasperini ottiene per la seconda annata di fila il pass per gli ottavi di finale di Champions, trionfo parzialmente rovinato dal litigio tra il tecnico e Papu Gomez di qualche giorno fa, che ha sollevato un polverone. Ecco le parole dell'allenatore orobico nella conferenza stampa dopo la vittoria esterna sull'Ajax: "Sono soddisfatto e felice, soprattutto per i ragazzi e per il club. Per Bergamo è un risultato eccezionale: avevamo Liverpool e Ajax nello stesso girone. L'Atalanta ha dimostrato grande personalità e maturità anche in Europa". Gasp analizza poi la partita nel dettaglio: "Era importante segnare, visto che nel finale di gara può accadere di tutto. Abbiamo fermato il loro attacco, come col Psg l'anno scorso. Il gol di Muriel ci ha portato agli ottavi". Quando gli chiedono se resterà in panchina, il tecnico svaga: "Era una gara fondamentale, la società ora potrà programmare con fiducia. La priorità ora è la Serie A. Non sarà facile recuperare, ma ce la vedremo tutti ad armi pari. Fino a ora la Champions ci ha dato grandi stimoli, e abbiamo sempre di dare il massimo. Con un po' di tempo a disposizione voglio rendere la squadra più duttile. Proveremo ad allungare un po' la coperta. Chiarire la situazione? Io non posso chiarire le voci al telefono e non posso rispondere a chi non ha volto né firma".

Gasperini: "La priorità ora va al campionato"
Guarda il video
Gasperini: "La priorità ora va al campionato"
Atalanta, che show: Muriel regala gli ottavi di finale
Guarda la gallery
Atalanta, che show: Muriel regala gli ottavi di finale

Gasperini ha parlato anche a Sky Sport della tensione degli ultimi giorni: “Al di là di quel che si scrive e si dice, io guardo la situazione del campo, e sono libero di fare le mie scelte. È un principio da cui non posso prescindere. Il valore del Papu è nella risposta di questa sera. Non è vero che non ci sia più libertà, la cosa è nata così, è evidente. Io devo fare le scelte più utili possibili alla squadra. Questa è una squadra che stava subendo un po’ troppo e non segnava, dopo i 100 dell’anno scorso. Un tecnico deve prendere decisioni, anche momentanee. Mie dimissioni? Il giorno che cerco di andare via da Bergamo sarà un giorno prima, non un giorno dopo, e comunque in accordo con la proprietà. Non ci saranno mai cose traumatiche.

Gasperini: "Abbiamo conquistato un risultato straordinario"
Guarda il video
Gasperini: "Abbiamo conquistato un risultato straordinario"

"Se resterò qui? Non leggo il futuro, ma i tifosi festeggiano"

Sulla possibilità di restare ancora il tecnico della Dea, Gasp conclude: "Non leggo il futuro, ma i tifosi dell'Atalanta stanno festeggiando. La cosa che ci dispiace è che non ci siano. È una crudeltà pazzesca non avere il pubblico. C'è gente che lo aspettava da chissà quanto tempo su questi campi e a questi livelli. È brutto per tutti. Noi non abbiamo il peso della gente, non si vede più nessuno in città, allo stadio, non incontriamo nessuno. Solo di chi parla e chi scrive, giustamente tanti e ognuno che dice la sua. Percassi? Ora mi chiama".

Gomez si sfoga: "Fatta la storia di questo club mentre voi parlate"

"Continuate a parlare che noi continuiamo a fare la storia di questa società". Questo il messaggio del Papu Gomez, tramite un post su Instagram che lo ritrae esultante coi compagni ad Amsterdam, in risposta alle voci riguardo ai presunti conflitti insanabili con Gasperini dopo il cambio contro il Midtjylland della settimana scorsa. "A octavos!! (agli ottavi, ndr)", si chiude il post del capitano nerazzurro. Nel dopopartita, a Sky Sport, anche il pensiero al riguardo dell'amministratore delegato Luca Percassi: "In tutte le famiglie esistono discussioni, noi ci facciamo sentire quando c'è da tutelare la società facendo affidamento sui comportamenti e sulle scelte. L'obiettivo è dare tutto in campo e avere il massimo rispetto per la nostra tifoseria, che ci chiede di onorare la maglia. A proposito, i tifosi ci mancano da morire. Per il resto, la palla va lasciata ai protagonisti in campo: è stata una serata veramente piacevole".

Champions, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti