Real Madrid-Uefa, sorteggio Champions ultimo tassello di una guerra infinita

Le tensioni tra il club spagnolo e il massimo organo calcistico d'Europa aumentano. Dalla Superlega al pasticcio di Nyon: tutte le tappe della battaglia
Real Madrid-Uefa, sorteggio Champions ultimo tassello di una guerra infinita

"Spiacevole", "sorprendente", sono questi i termini utilizzati da Emilio Butragueno per commentare il pasticcio di Nyon. Il Real Madrid, che in un primo momento era stato accoppiato al Benfica, si ritroverà ad affrontare il Psg di Leo Messi. Quanto successo a Nyon ha mandato su tutte le furie i Blancos che hanno chiesto di ripetere il sorteggio dal momento dell'errore dato che portoghesi e spagnoli sono stati il primo degli ottavi di finale estratto. La Uefa, però, non ha voluto sentire ragioni ed è ripartita dall'inizio rimettendo in mezzo tutte le palline. La dea bendata non è stata benevola con il Real Madrid, che dal Benfica è passato al Psg. Un pasticcio vero e proprio che, secondo il quotidiano spagnolo Marca, le Merengues avrebbero etichettato, lontano dalle telecamere, come "scandalo inammissibile" e "adulterazione". I rapporti tra i Blancos e la Uefa, già non proprio idilliaci per usare un eufemismo, si inaspriscono ancora di più. Il pasticcio di Nyon, infatti, è solo l'ultimo tassello di un grande puzzle, l'ultima battaglia di una "guerra" infinita. 

Champions, sorteggi da rifare e tifosi scatenati!
Guarda la gallery
Champions, sorteggi da rifare e tifosi scatenati!

Real Madrid-Uefa, è guerra aperta: tutte le tappe

Real Madrid e Uefa sono entrati in conflitto la mattina del 19 aprile 2020, quando 12 club, con i Blancos in prima linea, hanno annunciato la nascita della Superlega, una competizione che avrebbe dovuto sostituire la Champions League. Da quel momento non è più stato possibile trovare una tregua, tanto che il massimo organo calcistico d'Europa ha portato la vicenda in tribunale. "I club in questione non potranno giocare in nessun'altra competizione a livello nazionale, europeo o mondiale e i loro giocatori potrebbero essere privati ??dell'opportunità di rappresentare le loro squadre nazionali", aveva dichiarato la Uefa prima di dover archiviare le denunce. La temperatura del dibattito non si è però mai abbassata. Ceferin ha trovato nel Psg e nel suo presidente Nasser Al-Khelaïfi un alleato. Una battaglia che si sposta ora sul campo per gli ottavi di finale di Champions League, quando il Real Madrid sarà chiamato a sfidare proprio i parigini e non il Benfica. Per colpa di chi? Della Uefa ovviamente.

Champions, i migliori video

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...