Sorteggi Champions, Ceferin chiede scusa: "Errore della Uefa"

Il numero uno del calcio europeo sui fatti di Nyon: "Dovremmo essere meno dipendenti dalla tecnologia"
Sorteggi Champions, Ceferin chiede scusa: "Errore della Uefa"© EPA

"Chiediamo scusa a tutti. Non si è trattato di un errore umano, ma della Uefa". Aleksander Ceferin, ha parlato per la prima volta di ciò che è successo lunedì scorso a Nyon, durante i sorteggi per gli ottavi di finale di Champions League. "Dipendevamo dalla tecnologia e forse dovremmo esserne meno dipendenti", ha aggiunto il numero uno del calci europeo, nel corso del Comitato Esecutivo Uefa. "Abbiamo avuto l'informazione che qualcosa non andava con il software, ho avuto un colloquio telefonico con i fornitori e ci hanno proposto di andare avanti con il sorteggio perchè non potevano prevedere quando l'errore si sarebbe verificato. Vogliamo essere trasparenti con tutti. E' troppo presto per capire quali siano le conseguenze".

Ceferin: "Orgoglioso del lavoro svolto"

Il presidente della Uefa ha poi fatto un bilancio del lavoro svolto negli ultimi anni. "È stato un periodo difficile, con tante sfide, affrontiamo i problemi legati alla pandemia ormai da due anni. Sono molto orgoglioso del calcio europeo, dei tifosi, dei media, dell'intera società calcistica. Per il fair play finanziario ho parlato con la Lega spagnola, con quella inglese e quella tedesca. Tutte le parti sono molto interessate e unite nel cambiamento. Bisogna adattarsi ai nuovi tempi e sono ottimista sugli accordi che raggiungeremo perché è qualcosa di importante per tutti ".

Champions, i migliori video

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...