Tuttosport.com

Euro2020, croce e delizia Pjanic con la Bosnia. Male Olsen nel derby Norvegia-Svezia
© Massimiliano Vitez/Ag. Aldo Liverani
0

Euro2020, croce e delizia Pjanic con la Bosnia. Male Olsen nel derby Norvegia-Svezia

Nella prima frazione il centrocampista bianconero guida i suoi propiziando il vantaggio e realizzando la seconda rete su punizione. Nella ripresa perde la testa e lascia i suoi in 10 con la Grecia che rimonta

martedì 26 marzo 2019

TORINO - Nell'ultima giornata di qualificazioni ad Euro 2020 emozioni e gol a grappoli con ben tre rimonte. La Bosnia di Pjanic, in gol, si fa rimontare nella ripresa dalla Grecia. Fa peggio la Svizzera che avanti di 3 reti subisce la rimonta nei dieci minuti finali. Ad Oslo emozionante 3-3 tra Norvegia e Svezia con il portiere giallorosso Olsen protagonista in negativo.

RIMONTA GRECA - Allo stadio Bilino Polje di Zenica Pjanic e soci iniziano con il piede giusto. Proprio dai piedi del centrocampista bianconero parte l'azione del vantaggio firmata da Visca al 10' di gioco. Passano cinque minuti ed il centrocampista juventino trova il raddoppio direttamente da punizione da oltre 30 metri. Nella ripresa i padroni di casa sembrano aver il controllo del match ma al ventesimo la partita cambia letteralmente. Al 60' Sunjic atterra in area Fortounis. Dagli undici metri si presenta proprio il numero 10 ellenico che accorcia. Non passano nemmeno due minuti che Pjanic si fa espellere per un fallaccio a centrocampo ai danni di Zeca. Con un uomo in meno la Bosnia è costretta a subire il ritorno ellenico che all'85' trova il meritato pareggio con Kolovos

Bosnia-Grecia, statistiche e tabellino

REMUNTADA DANESE - Succede di tutto al St. Jakob-Park di Basilea. Svizzera avanti di 3 reti fino all'84', poi si sveglia la selezione danese che riesce a ribaltare la sfida. Il gol del vantaggio elvetico lo firma l'atalantino Remo Freuler. Nella ripresa al 66' Xhaka firma il raddoppio dei padroni di casa e a 10 dalla fine Embolo cala il tris. Sembra finita ma gli scandinavi nel giro di pochi minuti riescono a rimettere in discussione il risultato. All'84' arriva la prima rete di Jorgensen e all'88' Gytkjaer firma il 2-3. È del difensore del Brentford Dalsgaard la rete dell'incredibile 3-3 finale. 

Svizzera-Danimarca, tabellino e statistiche

HORROR OLSEN - All'Ullevål Stadion di Oslo finisce con un incredibile 3-3 il derby Norvegia-Svezia. Protagonista in negativo il romanista Olsen. Da una sua incertezza in uscita infatti nasce la rete del vantaggio per i padroni di casa con Johnsen che si ritrova a spingere il pallone da dentro l'area piccola. Il numero 1 svedese non fa nulla per impedire il raddoppio di King nella ripresa. Al 70' inizia la partita per gli ospiti che accorciano le distanze con Claesson bravo ad avventarsi sulla respinta di Jarstein che aveva neutralizzato l'ex Genoa Granqvist dagli undici metri. È un'altra conoscenza italiana a rendersi protagonista nel finale, l'ex rosanero Quaison con la doppietta in pochi minuti che ribalta letteralmente il risultato. Sembra tutto ormai finito ma all'ultimo assalto i padroni di casa trovano il 3-3 con Kamara che sfrutta l'ennesima indecisione di Olsen.

DOPPIO MORATA - Al National Stadium di Ta'Qali la Spagna si impone su Malta per 2-0, protagonista assoluto del match l'ex centravanti bianconero Morata. La resistenza dei padroni di casa dura fino al 30' quando l'attuale attaccante dell'Atletico, ben imbeccato dal centrale difensivo Mario Hermoso, salta Muscat e batte Bonello. Nella ripresa continua l'assalto iberico alla porta maltese ma il raddoppio arriva solamente al 73' sempre con Morata che stavolta segna di testa su assist del neoentrato Jesus Navas. La partita finisce praticamente qui con gli ospiti incapaci di segnare ulteriormente nonostante i 21 tiri realizzati. Con questa vittoria la selezione di Luis Enrique vola in testa al gruppo F con 6 punti. 

Malta-Spagna, statistiche e tabellino

LE ALTRE PARTITE - Nel pomeriggio la Finlandia ha riscattato la sconfitta patita contro gli azzurri con la vittoria per 2-0 sull'Armenia a Yerevan. A decidere la sfida i gol, uno per tempo, di Jensen e Soiri. Con questo successo gli scandinavi salgono a quota 3 nel gruppo J. L'Irlanda batte 1-0 la Georgia all'Aviva Stadium di Dublino. A decidere il match la rete al 36' di Hourihane. Tutto facile per la Romania che si impone 4-1 sulle Fær Øer. Apre le danze la rete di Dean seguito da Keseru che firma una doppietta. Al 40' gli ospiti trovano il gol della bandiera dagli undici metri con Davidsen. Nella ripresa gloria anche per il rosanero Puscas

Commenti

La Prima Pagina