Italia-Austria, Foda: "Troppi contagi, perchè giocare a Londra?"

"Vorrei essere accompagnato da più tifosi possibili, e le restrizioni non lo permetteranno", così il ct tedesco degli austriaci sul match di Wembley contro gli azzurri

Questa è la prima partecipazione in assoluto dell'Austria nella fase a eliminazione diretta degli Europei e la prima in questa fase di un grande torneo a partire dai Mondiali del 1954, quando raggiunse la semifinale© www.imagephotoagency.it

Il ct dell'Austria Franco Foda è preoccupato che il dilagare della variante Delta del Coronavirus in Inghilterra possa "rovinare" l'evento che vedrà la sua nazionale opposta all'Italia sabato a Wembley: "Non ha senso giocare a Londra", afferma l'allenatore tedesco.

Euro 2020, Regno Unito: Wembley apre al 75% ma i contagi Covid-19 continuano a crescere

Euro 2020, Hancock risponde a Draghi: "La finale resta a Londra"

Italia-Austria a Wembley, Foda: "Follia non far partecipare tutti"

"La salute viene prima di tutto. Ma guardando le regole di ingresso, vista la variante del virus, sarebbe una follia se i nostri tifosi non potessero partecipare tutti", ha detto Foda. Tutto ciò per via delle stringenti regole che ha disposto il governo inglese per limitare i contagi da Covid-19. L'eccezione - a seguito dell'accordo con l'Uefa - riguarda solo semifinali e finali per le quali è stata data la possibilità di ospitare 60mila spettatori a Wembley a ciò non vale per ottavi e quarti di finale. " Non capita tutti i giorni di arrivare agli ottavi. In questo caso spero per i tifosi che si trova una soluzione. Una possibilita' sarebbe quella di mobilizzare la sede. Spero che piu' tifosi possibili possano accompagnarci. Questo e' il mio desiderio", ha concluso l'allenatore dell'Austria. 

Abbonati a Tuttosport

Riparte la Serie A

Approfitta dell'offerta, leggi il tuo quotidiano a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...