Croazia-Spagna 3-5 dts: Morata show, Luis Enrique è ai quarti

Dopo il clamoroso errore di Unai Simon e le reti di Sarabia, Azpilicueta, Ferran Torres, Orsic e Pasalic, decide lo juventino. Chiude Oyarzabal

Croazia-Spagna 3-5 dts: Morata show, Luis Enrique è ai quarti© EPA

COPENAGHEN (Danimarca) - Nonostante lo shock iniziale, con il clamoroso errore di Unai Simon sul retropassaggio di Pedri che aveva regalato il vantaggio alla Croazia, e quello finale, con l'uno-due firmato Orsic-Pasalic, la Spagna si impone 5-3 dopo tempi supplementari e si guadagna la qualificazione ai quarti di Euro2020 grazie alle reti di Sarabia, Azpilicueta e Ferran Torres nei 90' regolamentari e quelle dello juventino Morata e di Oyarzabal nell'extra-time. Nel prossimo turno la nazionale di Luis Enrique se la vedrà con la vincente della sfida tra Francia e Svizzera.

Pasalic non basta alla Croazia, Morata lancia la Spagna ai quarti
Guarda la gallery
Pasalic non basta alla Croazia, Morata lancia la Spagna ai quarti

Unai Simon regala il vantaggio alla Croazia, Sarabia pareggia per la Spagna

Brozovic, Rebic e Morata rappresentano le tre big italiane nell'affascinante ottavo di finale di Euro2020 tra la Croazia vice-campione del mondo in carica e la Spagna. La nazionale iberica prova a prendere il pallino del gioco in mano sin dalle prime battute e si affaccia dalle parti di Livakovic con una zuccata di Garcia (10') e con un tentativo di Sarabia (13') che, servito di tacco dall'attaccante della Juve, centra l'esterno della rete. Sono però clamorose le occasioni fallite prima da Koke, a tu per tu con l'estremo difensore avversario dopo lo splendido filtrante di Pedri (15'), poi da Morata (19') che, da due passi di testa, colpisce in pieno Vida. Al 20', invece, arriva l'inaspettato vantaggio della Croazia: da un apparente, innocuo retropassaggio, Unai Simon sbaglia incredibilmente il controllo sul retropassaggio di Pedri e non può far altro che osservare la sfera mentre varca la linea di porta. L'1-0 di Modric e compagni sembra sovvertire i valori in campo, con Vlasic (24') e Brozovic (26') che cercano invano il raddoppio lampo, mentre la Spagna supera lo sbandamento iniziale e trova la via del pari al 38': azione insistita, miracolo di Livakovic su Gaya, ma non riesce a ripetersi (seppur toccando con la fronte) sulla ribattuta di Sarabia (leggermente deviata da Caleta-Car). Il primo tempo si chiude con una provvidenziale uscita di Simon su Rebic lanciato a rete e con un destro dal limite di Morata che termina in curva.

Azpilicueta-Ferran Torres, poi Orsic e Pasalic: Croazia-Spagna 3-3

Grande opportunità per la Spagna in avvio di ripresa (52'), ma Sarabia sbaglia la misura del passaggio in mezzo dopo un cross sul secondo palo. È il prologo al sorpasso (57'): Azpilicueta, al primo gol in nazionale, dà il là ad una ripartenza e scarica su Pedri, poi batte Livakovic con un perfetto colpo di testa sul cross di Ferran Torres. Al 67', invece, Unai Simon si fa perdonare l'erroraccio del primo tempo con una grande parata a mano aperta sulla botta ravvicinata di Gvardiol, ripetendosi di piede circa 90 secondi più tardi su Kramaric (partito in posizione irregolare). Al 72', poi, viene annullato il tris di Morata per fuorigioco, ma non quello di Ferran Torres (77'): clamorosa disattenzione della difesa croata, con Gvardiol che si stava abbeverando da una borraccia al momento del lancio lungo di Pau Torres, col quasi omonimo del City che beffa il portiere avversario col piatto destro. Buona chance anche per Dani Olmo (che ha giocato per sei anni in Croazia con la Dinamo Zagabria), mentre Orsic riapre il match all'85', ribadendo in rete il pallone al termine di un batti e ribatti. Il 3-2 croato regala un finale infuocato e la beffa è dietro l'angolo: è il 92' quando l'atalantino Pasalic svetta in area e realizza l'incredibile pareggio, mentre termina in curva la controrisposta lampo di Dani Olmo su assist di Morata e contro i tabelloni pubblicitari quella di Oyarzabal (96'). Si va quindi ai supplementari.

La Croazia domina in avvio, Morata-Oyarzabal regalano i quarti alla Spagna: 5-3!

Pronti, via e Orsic, eroe del finale con un gol e un assist, sfiora il sorpasso: il suo destro a giro, però, sorvola la traversa per un soffio. Pau Torres, quindi, è salvifico su Budimir, lanciato a rete dallo splendido lancio lungo di Pasalic. È solo Croazia in avvio: è soltanto il 96' quando la Croazia ha una terza, gigantesca chance, con Unai Simon che tiene in vita la Spagna con una super parata su Kramaric a colpo sicuro, mentre un minuto più tardi primo squillo iberico dell'extra-time, con Caleta-Car che salva in scivolata su Dani Olmo. L'occasione dà coraggio ai ragazzi di Luis Enrique, che tornano avanti con un gioiello di Alvaro Morata (100'): l'attaccante della Juve controlla di destro il cross del talento del Lipsia e spara in porta col mancino, siglando di fatto il 4-3. Tre minuti più tardi è invece Oyarzabal a calare il pokerissimo, mentre Budimir sfiora il 5-4 in apertura del secondo tempo supplementare. La Croazia vede le proprie speranze svanire col passare dei minuti, la Spagna controlla fino al 120' e va ad un passo dal sesto timbro con Dani Olmo, fermato dal palo: Luis Enrique vola ai quarti di Euro2020, dove affronterà la vincente tra Francia e Svizzera.

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...