De Ligt: "Quando Van Basten dice qualcosa, io ascolto"

Così il difensore della Juve, impegnato con l'Olanda ad Euro2020: "In Italia si usa tanto la marcatura a zona, ma qui il ct mi ha chiesto di andare a uomo"

De Ligt: "Quando Van Basten dice qualcosa, io ascolto"© EPA

"Quando qualcuno come Van Basten dice qualcosa, io ascolto. Perché lui è stato un giocatore molto forte, è stato allenatore dell'Olanda e dell'Ajax, e quindi va ascoltato". Al termine del match vinto dalla nazionale Oranje contro la Macedonia del Nord, Matthijs de Ligt è tornato sulle critiche ricevute dal "Cigno di Utrecht", ex leggenda del Milan e dei Paesi Bassi. "Se guardi le partite in Italia, vedi che lì si usa tanto la marcatura a zona - prosegue il difensore della Juventus -. Questa può essere una cosa possibile, ma adesso il ct mi ha detto di marcare a uomo, per stare 3 contro 2, e quindi in superiorità numerica, quando siamo dietro".

De Ligt: "L'Italia non ha giocato contro squadre top"

"Io penso di essere migliorato in Italia, ho due anni in più d’esperienza ho imparato alcune cose che non ho mai fatto con l’Ajax, sono un giocatore più completo. Ho guardato molto bene l’Italia, giocano con tutta la squadra, tutti hanno giocato, è importante, hanno uno stile non italiano, vanno molto in attacco, loro hanno giocato contro tre squadre buone ma non top come la Francia".

De Ligt: "Abbiamo vinto 3 partite su 3, conta solo questo"

"La cosa più importante è che abbiamo vinto tre partite su tre. Sono state tre partite durissime, perché non abbiamo fatto sempre benissimo. Ma tutto questo è importante e ci serve anche per imparare. E adesso ci concentriamo sull'ottavo di finale. Ci guardiamo le altre partite e aspettiamo di conoscere la nostra prossima avversaria", ha concluso De Ligt.

Abbonati a Tuttosport

Riparte la Serie A

Approfitta dell'offerta, leggi il tuo quotidiano a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...