Di Lorenzo tra Juve e Napoli: la volontà e la reazione alle parole di Conte

Il capitano azzurro ha sciolto le riserve decidendo cosa fare per il futuro della carriera

Avanti tutta. Procede spedita la trattativa per portare Giovanni Di Lorenzo alla Juventus. Un affare destinato a entrare nel vivo tra qualche settimana, al termine dell’Europeo. La volontà del giocatore è ormai chiara e propende nettamente per il trasferimento in bianconero. Una scelta maturata da giorni e con grande convinzione. Il terzino toscano per il momento vuole concentrarsi appieno sulla Nazionale, ma alla fine dell’avventura azzurra a Euro 2024 ribadirà al club del presidente Aurelio De Laurentiis l’intenzione di essere ceduto.

Di Lorenzo-Juventus, la situazione

Un’idea che DiLo ha confermato dopo la gara tra Italia e Albania a Dortmund, dove era presente anche il suo agente Mario Giuffredi. Terminata la gara, il procuratore ha aggiornato il suo assistito sull’esito del summit tenutosi il martedì precedente in quel di Napoli, all’Hotel Parker. Un incontro cordiale nel quale Antonio Conte aveva ribadito la centralità del terzino nel suo progetto. Il tecnico salentino, infatti, non vorrebbe privarsi dell’attuale capitano per il Napoli che intende costruire. Un attestato di stima da parte di uno degli allenatori più vincenti al mondo che, indubbiamente, ha fatto piacere al numero 2 della Nazionale, ma al tempo stesso non ha prodotto gli effetti sperati alle pendici del Vesuvio. Di Lorenzo considera ormai concluso il suo ciclo napoletano e si sente pronto per vivere nuove sfide.  
La possibilità di far parte di una Juve che punta a tornare in alto dopo le ultime annate deludenti lo stuzzica. In più la presenza a Torino di due dirigenti che conosce bene e ai quali è legato da una stima profonda - il dt bianconero Cristiano Giuntoli e il suo braccio destro Peppe Pompilio - non ha fatto altro che aggiungere ulteriori stimoli alla possibilità di far parte del nuovo corso targato Thiago Motta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Di Lorenzo, Motta il suo sponsor

Proprio l’allenatore italo-brasiliano è uno dei principali sponsor dell’arrivo di DiLo, in quanto lo ritiene il terzino destro ideale per il suo calcio. Il campione d’Europa in carica con l’Italia, infatti, abbina a un’importante spinta propulsiva ottime capacità in fase di marcatura. Doti che lo rendono completo e molto prezioso. Tempo al tempo, in ogni caso. L’affare non potrà entrare nel vivo prima di 15-20 giorni, come minimo. Dopodiché partiranno i contatti tra le due società, col Napoli che valuta il proprio capitano tra i 20 e i 25 milioni di euro.

La società partenopea, infatti, non intende liberare e cedere il proprio capitano, nonché un titolare della Nazionale italiana, a cuor leggero. Da capire se potranno esserci i margini per un’operazione allargata, visto che - non è un mistero - al Napoli piace molto Federico Chiesa, valutato dalla Juve almeno 40 milioni e nel mirino pure di club come Bayern Monaco e Roma. Così come tra i calciatori della rosa bianconera potrebbe esserci pure qualche altro elemento gradito a Conte. Insomma, ci sarà tempo e modo per pensarci bene. Quello che invece non ha più voglia di fare Di Lorenzo - nonostante il pressing del Napoli - sulla sua squadra per la prossima stagione. Il terzino la destinazione l’ha già scelta e si prepara a far rotta verso Torino nelle prossime settimane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avanti tutta. Procede spedita la trattativa per portare Giovanni Di Lorenzo alla Juventus. Un affare destinato a entrare nel vivo tra qualche settimana, al termine dell’Europeo. La volontà del giocatore è ormai chiara e propende nettamente per il trasferimento in bianconero. Una scelta maturata da giorni e con grande convinzione. Il terzino toscano per il momento vuole concentrarsi appieno sulla Nazionale, ma alla fine dell’avventura azzurra a Euro 2024 ribadirà al club del presidente Aurelio De Laurentiis l’intenzione di essere ceduto.

Di Lorenzo-Juventus, la situazione

Un’idea che DiLo ha confermato dopo la gara tra Italia e Albania a Dortmund, dove era presente anche il suo agente Mario Giuffredi. Terminata la gara, il procuratore ha aggiornato il suo assistito sull’esito del summit tenutosi il martedì precedente in quel di Napoli, all’Hotel Parker. Un incontro cordiale nel quale Antonio Conte aveva ribadito la centralità del terzino nel suo progetto. Il tecnico salentino, infatti, non vorrebbe privarsi dell’attuale capitano per il Napoli che intende costruire. Un attestato di stima da parte di uno degli allenatori più vincenti al mondo che, indubbiamente, ha fatto piacere al numero 2 della Nazionale, ma al tempo stesso non ha prodotto gli effetti sperati alle pendici del Vesuvio. Di Lorenzo considera ormai concluso il suo ciclo napoletano e si sente pronto per vivere nuove sfide.  
La possibilità di far parte di una Juve che punta a tornare in alto dopo le ultime annate deludenti lo stuzzica. In più la presenza a Torino di due dirigenti che conosce bene e ai quali è legato da una stima profonda - il dt bianconero Cristiano Giuntoli e il suo braccio destro Peppe Pompilio - non ha fatto altro che aggiungere ulteriori stimoli alla possibilità di far parte del nuovo corso targato Thiago Motta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Loading...
1
Di Lorenzo tra Juve e Napoli: la volontà e la reazione alle parole di Conte
2
Di Lorenzo, Motta il suo sponsor