Golden Boy 2020, secondo turno: ecco chi resta in gara

0

Prima scrematura, 20 i calciatori eliminati: ecco chi va avanti, votazioni aperte

Golden Boy 2020, secondo turno: ecco chi resta in gara
 Massimo Franchi martedì 14 luglio 2020

Comincia oggi la seconda puntata del Golden Boy, trofeo internazionale di Tuttosport riservato al miglior Under 21 tesserato per un club europeo della massima categoria. I 100 candidati iniziali, pubblicati sul giornale e sul sito lo scorso 15 giugno, vengono come da regolamento ridotti a 80. E così via (sistematiche e progressive riduzioni di venti unità) nelle successive tornate di metà agosto e metà settembre sino ad arrivare al 15 ottobre quando si conoscerà la lista definitiva dei 20 finalisti dai quali scaturirà il vincitore dell’ambito riconoscimento. Il trionfatore dell’edizione 2020, come da tradizione, verrà premiato nel corso di una serata di gala in programma a fine anno. 

VOTA ADESSO IL TUO GOLDEN BOY 2020

IL PALLONE D’ORO DEI GIOVANI
Quella in corso è la 18ª edizione del nostro trofeo. Il primo Golden Boy, nell’ormai lontano 2003, fu il talento olandese Van der Vaart all’epoca in forza all’Ajax. L’ultimo l’attaccante portoghese João Félix dell’Atlético Madrid. Sono eleggibili per questo 2020 i giocatori nati a partire dal 1° gennaio 2000, quindi rigorosamente sotto i 21 anni d’età. La caccia all’erede al trono del lusitano è apertissima. E la portata del riconoscimento continua a crescere a livello esponenziale, anno dopo anno tanto, tanto che i concorrenti si impegnano alla stragrande per conquistare questo “bramato” Pallone d’Oro dei giovani.

ECCO JUWARA E RASPADORI
Nella nuova lista odierna degli 80 giocatori rimasti in competizione, non ci solo stati solo 20 tagli (per l’esattezza 34), ma contestualmente molti aggiornamenti ovvero inserimenti di nomi nuovi (14) in base ai movimenti di mercato dei club europei nonché integrazioni di quei “Ragazzi d’Oro” che, un mese fa fuori elenco, si sono messi a brillare in questa stagione che s’avvia al termine. Leggi su tutti la sorpresissima gambiana Musa Juwara, inserito da Mihajlovic a San Siro e autentico “deus ex machina” del clamoroso successo bolognese sull’Inter. Oppure il giovane emiliano Raspadori del Sassuolo. E sarà così anche nella nuova stagione che ricomincerà a settembre. Come sempre sarà importantissima, per non dire fondamentale, la visibilità internazionale dei candidati: segnare, fornire assist, “imbavagliare” un avversario di fama, salvare gol compiendo super parate, avrà una valenza esponenziale se “sciorinato” in occasione delle prossime partite di Champions League, di Europa League o di quelle future delle Rappresentative Nazionali perché il tutto verrà “televisto” in mondovisione. 

I RISULTATI DELLO STEP100

DUE GIURIE: WEB E GIORNALISTI
A votare, come da tradizione consolidata, una giuria altamente qualificata composta da 40 giornalisti specializzati in calcio estero delle più prestigiose testate del Vecchio Continente: dal francese L’Équipe allo spagnolo Marca, dalla tedesca Bild all’inglese Times, dal portoghese A Bola all’olandese De Telegraaf, dal russo Sport-Express allo svedese Aftonbladet, dallo svizzero Blick al greco SportDay e via discorrendo. Insieme a loro anche le autorevoli preferenze dei Direttori dei tre quotidiani sportivi italiani (Tuttosport, Corriere dello Sport-Stadio e La Gazzetta dello Sport) più i loro colleghi di ruolo delle principali tv nostrane (Rai, Mediaset, Sky, LA7 e Dazn). Ma entreranno in campo solo a ottobre, per votare i 20 finalisti. I loro insindacabili giudizi saranno in ogni caso “orientati” da quelli dei nostri affezionati lettori che, a loro volta, partecipano al sondaggio online su tuttosport.com votando, segnalando e suggerendo alla giuria giornalistica il nome del prossimo Golden Boy. Perché parallelamente ci sarà anche, come già da due anni a questa parte, l’elezione e la premiazione del “Web Golden Boy”, il giovane talento più “cliccato” sul nostro sito.

MARQUÉS, SUPER SORPRESA JUVE
Nel primo mese del sondaggio online il calciatore che ha riscosso il maggior numero di preferenze fra i lettori è stato, a sorpresa, l’ispano-venezuelano Alejandro Marqués della Juventus. Quasi 6.500 voti su un totale di oltre 70.000 “suffragi”. Poco meno del 10%. Ulteriori sorprese anche sugli altri due gradini di un podio ideale composto dal portoghese Eduardo Quaresma dello Sporting Lisbona (oltre quota 6.000) e l’ucraino-georgiano Tsitaishvili della Dynamo Kiev (5.700). Molto più indietro i favoriti al premio assoluto, quello per cui si attiveranno i giornalisti il prossimo autunno, ovvero Davies del Bayern, Fati del Barcellona, Vinícius Júnior e Rodrigo del Real Madrid, Foden del Manchester City, Greenwood dello United e il duo Sancho-Håland del Borussia Dortmund.

DAVIES IN ASCESA, GIÙ HÅLAND
Dopo aver perso nettamente la Bundesliga (secco -13 finale in classifica dal Bayern) ed essere stato precedentemente estromesso negli ottavi sia della Champions League che della Coppa di Germania, sono in netto calo le preferenze per il bomber norvegese Håland del Dortmund, partito a spron battuto. Ai nostri attenti e ferrati lettori, che ci seguono su Internet da tutto il mondo, non è andata giù la brutta frase esclamata dall’ex “panzer” del Red Bull Salisburgo al termine dell’ultima giornata del campionato tedesco: «Il titolo del Bayern è uno schifo, una m...a» ». Il regolamento del Golden Boy parla chiaramente di “fair play” e questa volgare esternazione potrebbe costare carissimo al “bombardiere” nordico. I giurati, in tal senso, sono molto severi perché vengono valutati ragazzi al di sotto dei 21 anni che hanno il dovere di rispettare gli avversari ed essere d’esempio nei loro atteggiamenti. In grande crescita, al contrario, un altro “millennial” del calcio targato “Deutschland”: si tratta del canadese d’origine liberiana Alphonso Davies, astro nascente del Bayern, vincitore del “double” (campionato e Coppa di Germania), non a caso eletto Miglior Giovane della Bundesliga testé conclusa (davanti a Jonjoe Kenny dello Schalke e Marcus Thuram del Borussia Mönchengladbach: Håland solo quarto) mentre dall’Inghilterra si “spinge” per l’anglo-guyanese Jadon Sancho e per il talento-City Phil Foden.

SI RICOMINCIA DA ZERO
Al momento regna il massimo equilibro e non c’è un favorito netto alla conquista del titolo “Golden Boy Absolute Best” da parte della giuria giornalistica. Sarà decisiva la Champions League. Da oggi si riparte, come detto, con la seconda puntata: azzerati tutti i voti precedenti sul sondaggio online per un’altra tappa della durata di un mese esatto. Vedremo se i nostri internauti che ci seguono da tutto il pianeta confermeranno o meno le preferenze accordate nella prima fase “Golden Boy 100”.

VOTA ADESSO IL TUO GOLDEN BOY 2020

Caricamento...

La Prima Pagina