Tuttosport.com

0

Juve-Tottenham 2-3: debuttano De Ligt e Rabiot

Gli Spurs vincono nel primo test della ICC grazie al capolavoro di Kane nel recupero: di Higuain e Ronaldo le reti bianconere. La squadra di Sarri fatica all’inizio per uscire in modo più convincente nella ripresa

domenica 21 luglio 2019

SINGAPORE - La Juventus di Sarri si vede sulla lunga distanza. Un primo tempo di fatica e sacrificio, un secondo tempo molto più convincente. I bianconeri, ancora in netto ritardo di condizione, cedono 3-2 al Tottenham nel primo test della ICC. Lamela sblocca alla mezz’ora, poi la rimonta firmata da Higuain e Ronaldo è vanificata dal gol di Lucas Moura e dal capolavoro da centrocampo di Kane in pieno recupero dopo l’errore di Rabiot. Esordio per Matthijs De Ligt: il centrale olandese entra a mezz’ora dal termine e si piazza accanto all’altro neoentrato Demiral. C’è ancora tanto da lavorare ma i primi dettami del nuovo tecnico bianconero si vedono, soprattutto in alcuni spunti nel corso della ripresa. Non è un caso che il primo gol dell’era sarriana sia stato firmato proprio dal Pipita, il giocatore che conosce meglio.

Higuain risponde al Coco Lamela

Il ritardo di condizione della Juve appare palese sin dai primi minuti: i bianconeri fanno fatica a resistere al pressing del Tottenham e l’esempio più lampante è l’amnesia di Matuidi che perde il pallone e regala a Son un’occasione ghiottissima. La manovra degli Spurs è più fluida, il gol arriva al 30’ con il facile tap-in del Coco Lamela che capitalizza la straordinaria combinazione tra il baby Parrott e Son: Buffon neutralizza la conclusione del coreano ma non può nulla sul piattone dell’ex romanista. Ronaldo prova a svegliare i compagni con Mandzukic che mette a referto il primo vero pericolo della partita grazie a un colpo di testa che però diventa facile preda di Gazzaniga. Il tecnico bianconero cambia le carte in tavola all’inizio della ripresa mandando in campo Rabiot, Higuain, Szczesny e Demiral: è proprio l’argentino, ironia del destino, a firmare il primo gol dell’era sarriana finalizzando un dai e vai di tecnica e velocità con Pjanic e Bernardeschi.

Pazzesco gol di Kane!

Non ci è dato sapere cosa abbia detto Sarri negli spogliatoi, sta di fatto che quattro minuti più tardi (60’) Ronaldo piazza il gol del 2-1 ribaltando la situazione. E al 63’ ecco iniziare l’avventura juventina di Matthijs De Ligt: il colpo di mercato di Agnelli fa il suo ingresso al posto di Bonucci in un doppio cambio che vede anche il fuoriclasse portoghese lasciare il posto a Pereira prendendosi l’ovazione di tutto lo stadio. Adesso non c’è un attimo di sosta: il Tottenham rientra subito in partita con la spaccata vincente di Lucas Moura, Bernardeschi prova a ricambiare l’inerzia della gara e il Pipita va a un passo dalla doppietta personale. Ma al 93’ giù il cappello per un fuoriclasse di nome Harry Kane: vede Szczesny fuori dai pali, calcia da centrocampo e…fa gol!

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...