Tuttosport.com

Italia-Germania, Rivera: «Ventura ha un buon gruppo. Nel 70' per il 4-3 cambiai piede all'ultimo»
© ANSA

Italia-Germania, Rivera: «Ventura ha un buon gruppo. Nel 70' per il 4-3 cambiai piede all'ultimo»

L'eroe della "partita del secolo": «Fu una rete che, nella sua semplicità, racchiuse in sé tutte le mie abilità»twitta

giovedì 3 novembre 2016

ROMA - L'Italia di Giampiero Ventura «sta facendo bene. Non ci sono individualità eccezionali, ma tanti giocatori di qualità. È un buon gruppo, figlio di quello che ha ben figurato agli Europei. La Germania è una squadra di alto livello, che beneficia anche del lavoro svolto a livello federale sui settori giovanili». Così Gianni Rivera, protagonista della sfida più famosa tra le due squadre, la semifinale di Messico '70 conclusa 4-3, e attuale presidente del Settore tecnico della Figc, parla delle due avversarie in vista dell'amichevole del 15 novembre, a San Siro.

I CONVOCATI DI DI BIAGIO NELL'UNDER 21

Parlando in esclusiva con Vivoazzurro.it, Rivera non può non ricordare la propria rete al 6' del secondo tempo supplementare di quella che è stata subito definita la 'partita del secolo' scorso: «Forse non ho mai raccontato che io ero partito per calciare di sinistro sul primo palo ma poi, vedendo il movimento di Maier, ho scelto in pochi istanti di cambiare direzione al tiro. Facendolo ho anche cambiato piede di calcio. Un particolare di cui mi sono accorto solo rivedendo il gol in tv... Fu una rete che, nella sua semplicità, racchiuse in sé tutte le mie abilità: lucidità, velocità di pensiero e tecnica». Rivera poi ammette che, nel finale, «mi sentivo un po' responsabile per la rete tedesca del 3-3, perché l'avevamo subita sul palo che stavo coprendo io. Così, quando ho avuto la palla del 4-3, sono stato ancora più motivato a fare gol».

Tags: ItaliaGermaniaItalia-GermaniaMessico '70RiveraVentura

Tutte le notizie di Italia

Approfondimenti

Commenti