Tuttosport.com

Italia, Oriali: «Ho sentito Balotelli, ma c'è un codice etico»
© LaPresse

Italia, Oriali: «Ho sentito Balotelli, ma c'è un codice etico»

Il team manager della Nazionale si è espresso anche sulle giovani promesse e sullo stage in corso a Covercianotwitta

martedì 21 febbraio 2017

TORINO - Quando si tratta di Nazionale ci sono nomi che non possono non essere chiamati in causa, Mario Balotelli e Graziano Pellé sono due di questi. Se il secondo ha deluso per la mancata stretta di mano a Ventura, il primo è sempre vittima del suo carattere irrequieto, quello stesso che, nella scorsa giornata di campionato, gli ha fatto guadagnare un cartellino rosso. 

PAROLA DI ORIALI - Su un possibile ritorno di Balotelli in maglia azzurra se ne è parlato e se ne continua a parlare, ma Gabriele Oriali, team manager della Nazionale, è stato chiaro: "Ho sentito Mario, ma al momento in agenda non c'è nessun incontro" e a chi gli ha ricordato l'espulsione di sabato ha risposto: "Da sempre qui c'è un codice etico, poche regole ben precise da rispettare, che poi sono anche quelle che esistono nei club. Per Mario, come già detto, avere o no la possibilità di tornare qui dipende da lui. Se è corretto quello che lui sta facendo? Io dico che è corretto parlarne il meno possibile". Per quanto riguarda, invece, la mancata convocazione di Pellè: "Bisognava intervenire e non soprassedere - ha spiegato Oriali - mi è dispiaciuto ma come detto esistono delle regole. Da allora non l'abbiamo più sentito, ora però concentriamoci su questo stage".

PROGRESSI - Per quanto riguarda i convocati al secondo stage organizzato con i calciatori emergenti Oriali si è detto soddisfatto: "Rispetto al primo stage abbiamo già notato dei grossi miglioramenti: l'esempio di Gagliardini è lampante. C'è chi aveva storto il naso quando fu chiamato la prima volta, e ora tutti vedono cosa sta facendo". Tra questi c'è anche l'attaccante del Sassuolo Domenico Berardi, uno dei più attesi. "A novembre aveva un infortunio serio - ha ricordato Oriali - altrimenti avrebbe già lavorato con noi. E' uno degli emergenti di maggiori prospettive, ma ovviamente dipende da lui".

Tags: Italia

Tutte le notizie di Italia

Approfondimenti

Commenti