Tuttosport.com

Chiellini: «Avrei voluto affrontare Ronaldo per migliorare»
© www.imagephotoagency.it
0

Chiellini: «Avrei voluto affrontare Ronaldo per migliorare»

Il difensore non mette limiti alla sua carriera in azzurro: «Finché il ct ti chiama, hai l'obbligo morale di rispondere»

lunedì 12 novembre 2018

TORINO - Il 17 novembre 2004 ha fatto il suo esordio in azzurro «e se tutto va come deve andare, il 17 novembre 2018 farò  la mia 100esima partita in Nazionale». Giorgio Chiellini è ormai uno dei totem dell'Italia e contro il Portogallo taglierà uno storico traguardo. Non si troverà di fronte Cristiano Ronaldo, suo compagno alla Juve («ma mi sarebbe piaciuto giocarci contro, giocare contro i campioni aiutata a migliorare») ma sarà ugualmente un esame importante per vedere a che punto è la Nazionale dopo la delusione della mancata qualificazione ai Mondiali russi. «E' una cosa che ci ha distrutto, è un vuoto che ci portiamo dentro, sia noi vecchi ma anche i più giovani che erano con noi - confessa Chiellini a Sky Sport - La speranza è che serva a ripartire per un progetto a medio-lungo termine, bisogna ripartire dalle basi e capire cosa serve per tornare alla pari con la grandi. Non è comunque tutto nero come vedevamo fino a un mese fa. Non è che queste due partite con Ucraina e Polonia, dove abbiamo giocato bene e che sono state una bella iniezione di fiducia, cambiano quello che siamo. Abbiamo davanti un percorso non brevissimo ma da fare con serenità e fiducia, che sono i due concetti sui cui Mancini ha battuto e continua a battere da quando è arrivato». 

NESSUNA SCADENZA - Detto che «col lavoro si può migliorare, anche a 34 anni, me l'hanno insegnato in tanti, per ultimo Buffon», Chiellini non ha alcuna intenzione di fissare una scadenza per la sua esperienza in Nazionale. «Non puoi fare programmi a lungo termine, io la vivo ancora con l'entusiasmo del debuttante, godendomela convocazione dopo convocazione. Dopo la mancata qualificazione al Mondiale ho fatto una riflessione con me stesso molto lunga: la Nazionale non si può rifiutare. Ho massimo rispetto per quelli che fanno una scelta diversa ma finché il ct ti chiama, hai l'obbligo morale di rispondere». Per Chiellini quello delle 100 presenze «è un grande traguardo e un onore: da bambino uno sogna di giocare in serie A, in Nazionale, ma arrivare a 100 presenze va tanto oltre. Le doti naturali le ho ma c'è tanto lavoro dietro questo traguardo», rivendica con orgoglio Chiellini, per il quale «la maglia azzurra è speciale. Non ti identifichi in un club ma rappresenti la tua nazione, vivi delle emozioni in prima persona e le fai vivere a tutta la nazione, è qualcosa di impareggiabile.La tensione che si prova nel giocare in Nazionale non si prova nemmeno nelle partite più importanti».

RAMMARICO - C'è il rammarico di non aver mai vinto nulla in azzurro, soprattutto quel Mondiale dove ha collezionato due eliminazioni al primo turno prima della mancata qualificazione in Russia«Avremmo potuto fare di più, ma porterò tantissimi ricordi, tantissime cose belle da questa grande avventura». Dell'Italia Chiellini è anche il capitano «ma la fascia è solo un simbolo. In ogni squadra, in ogni gruppo ci sono tanti capitani, ognuno deve dare il suo ingrediente. Non sarò mai uguale agli altri capitani che ho avuto la fortuna di avere, da Cannavaro a Del Piero o Buffon, ma cerco di esserlo con quello che sono, con le mie caratteristiche».

Commenti