Coronavirus, Mancini ottimista: "Giusto riaprire gli stadi a più persone"

Il ct degli azzurri, nel giorno della sfida contro la Moldova, commenta: "Credo che ci siano troppi pessimisti, la vita deve andare avanti. Penso che l'Italia in questo momento sia forse la nazione migliore"

© Marco Canoniero/sync

FIRENZE - Nel giorno della sfida contro la Moldova in programma alle 20.45 all'Artemio Franchi di Firenze, il ct della Nazionale azzurra Roberto Mancini, ai microfoni di RaiSport, ha commentato così la notizia delle due positività nella Nazionale Under 21 (Bastoni e Carnesecchi): "Purtroppo questo può capitare a tutti, quando si è tra altre persone. Speriamo che i casi si fermino a due e che possano andare a giocare con il resto della squadra". Sulla questione di come affrontare l'emergenza virus, il mister azzurro ha spiegato: "Non posso essere arruolato da nessuna parte. Decido e penso con la mia testa, è difficile che possa essere condizionato su certe situazioni. Penso, a volte anche sbagliando, come credo capiti a tutti", ha proseguito. "Credo che la situazione di oggi non sia quella di marzo, è totalmente cambiata e penso che l'Italia in questo momento sia forse la nazione migliore, nel senso che non abbiamo grandissimi problemi. Però penso - ha aggiunto Mancini - che ci siano troppi pessimisti. La vita deve andare avanti e credo che sia giusto fare entrare più persone negli stadi, siamo all'aperto, distanziati. Penso che le persone rispetterebbero questo tipo di situazione".

Mancini: "Lo sport è un diritto di tutti"
Guarda il video
Mancini: "Lo sport è un diritto di tutti"

Mancini contento della sua Italia

"Siamo riusciti a costruire una squadra che gioca bene a calcio, che cerca di fare un buon calcio, propositivo. Abbiamo creato anche un buon ambiente e di questo ne siamo felici. Tutti i ragazzi vengono volentieri e si divertono e credo che sia la base di tutto nello sport", commenta il ct azzurro. Poi tornando alla gara di stasera contro la Moldova: "Stasera il Sassuolo la squadra più rappresentata? Nel campionato italiano gli italiani non sono tanti, cerchiamo di chiamare chiaramente quelli che hanno più qualità e che possono andare bene nel nostro gioco. Il Sassuolo gioca bene da tanti anni, i loro ragazzi sono giovani e migliorano di anno in anno. Caputo? È un attaccante che ha sempre fatto gol nella sua carriera e credo che si meriti di essere qui in questo momento".

Le ultime su Italia-Moldova
Guarda il video
Le ultime su Italia-Moldova

Commenti