Jorginho punta il Pallone d'Oro: "Voglio sognare in grande"

Il centrocampista del Chelsea non vuole smettere di volare in questa stagione fantastica con il premio più ambito da raggiungere: "Sarebbe qualcosa di incredibile"

Jorginho punta il Pallone d'Oro: "Voglio sognare in grande"© Getty Images

Insieme a Roberto Mancini a presentare in conferenza stampa la sfida di domani tra Italia e Belgio è stato Jorginho: "Ho sempre voglia di giocare e di poter aiutare la squadra. Tutte queste gare ogni tre giorni fai un po' fatica ad allenarti e a recuperare, ma sto bene. Abbiamo appena perso una partita, abbiamo questa voglia di vincere di nuovo. Qui abbiamo questa mentalità vincente e per me dopo l'ultimo ko la gara di domani rappresenta una opportunità. Vogliamo tornare a vincere". Resta l'amarezza della sconfitta in semifinale per il centrocampista del Chelsea, ma ora è tempo di guardare al futuro: "Nella gara dell'Europeo facevamo molta più fatica, mercoledì eravamo messi bene, stavamo recuperando bene. Poi i dettagli cambiano il percorso della partita a questi livelli. Il Belgio è una grande Nazionale primo nel Ranking da anni, è una grande squadra e non è mai facile giocare contro di loro. Devi stare sempre sul pezzo e dare il massimo".

Italia, sorrisi per Kean e Chiesa: finalina con il Belgio nel mirino
Guarda la gallery
Italia, sorrisi per Kean e Chiesa: finalina con il Belgio nel mirino

Jorginho: "Sogno di vincere il Pallone d'Oro"

E sul Pallone d'Oro Jorginho non si nasconde: "Quale bambino non lo sogna? Sognare in piccolo e sognare in grande è la stessa cosa, quindi meglio sognare in grande. Sarebbe qualcosa di incredibile. Trovare parole per poter spiegare è anche difficile, è qualcosa che quando ho iniziato era talmente lontano che oggi esserci così vicino è già qualcosa di incredibilmente bello". Poi Jorginho conclude con un pensiero ai giovani e Courtois: "Sì, magari potrebbe aiutare così da giocare più anni ad alti livelli. Spero i ragazzi possano avere queste opportunità. No, a me interessa come affrontiamo noi la partita. Come la affronta Courtois e il Belgio ci interessa poco, sinceramente. Le cose cambiano veloci, stavo lavorando tanto al Chelsea e poi è arrivata questa annata dove sono andare bene le cose. Col sostegno di tutti mi sento davvero tranquillo, sono felice".

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...