Italia-Inghilterra 1-0: la magia di Raspadori regala il successo a Mancini

Un capolavoro del fantasista del Napoli al 68', splendidamente imbeccato da Bonucci, decide la sfida valida per la 5ª giornata del gruppo C di Nations League A
Italia-Inghilterra 1-0: la magia di Raspadori regala il successo a Mancini© ANSA

MILANO - Una magia di Jack Raspadori, autore di uno stop e un destro a giro da mostrare nelle scuole calcio, regala a una buona Italia un successo meritatissimo contro l'Inghilterra nella quinta giornata del girone C di Nations League A. Gli azzurri, pericolosissimi in avvio con Scamacca e Pope che devia sulla traversa un suo colpo di testa, sono padroni del campo per lunghi tratti del match, senza tuttavia riuscire a rendersi particolarmente pericolosi. Fino alla strepitosa giocata personale del fantasista del Napoli al minuto 68, ben imbeccato da Bonucci con un lancio dalle retrovie con il contagiri. Torna a vestire la maglia della Nazionale Gabbiadini dopo il lunghissimo infortunio, vicinissimo al raddoppio nel finale, così come Dimarco, fermato dal palo. Con questo successo Roberto Mancini sale a quota 8 punti in classifica, a -2 dall'Ungheria di Marco Rossi, che ha battuto di misura la Germania, scivolata al terzo posto a quota 6. Chiude l'Inghilterra a 2 ed aritmeticamente retrocessa in Serie B. Nell'ultimo turno, l'Italia si giocherà il primo posto contro la nazionale magiara. 

Raspadori, gol decisivo in Italia-Inghilterra ed esultanza con Bonucci
Guarda la gallery
Raspadori, gol decisivo in Italia-Inghilterra ed esultanza con Bonucci

Italia-Inghilterra, le scelte di Mancini e Southgate

Con tantissimi indisponibili, tra cui Florenzi, Verratti, Locatelli, Tonali, Pellegrini, Berardi, Chiesa, Insigne e Immobile, Roberto Mancini mette da parte il consueto 4-3-3 e si affida al 3-5-2: tra i pali c'è Donnarumma, fischiato dal suo ex pubblico del Meazza, Toloi, Bonucci (alla 117ª presenza in Nazionale, raggiunti Chiellini e De Rossi al quarto posto nella classifica all time) ed Acerbi in difesa, Di Lorenzo e Dimarco a tutta fascia, Jorginho in cabina di regia, Cristante e Barella mezz'ali e Scamacca in attacco affiancato dall'ex compagno al Sassuolo Raspadori. Southgate schiera invece l'Inghilterra con il 3-4-3 con Maguire, Dier e Walker a protezione di Pope, James, Rice, Bellingham e Saka sulla linea mediana e Sterling e Foden ai lati del centravanti Kane.

Scamacca pericoloso in avvio: Italia-Inghilterra 0-0 al 45'

Di Lorenzo, lanciato da Bonucci, impegna Pope dopo soli 3', ma una posizione di fuorigioco avrebbe vanificato l'eventuale rete. L'Italia dà l'idea di voler cancellare la delusione per la mancata qualificazione al Mondiale in Qatar e il pesantissimo ko subito per mano della Germania nella 4ª giornata di Nations League ed aggredisce alta gli inglesi: al 4' Rice respinge il tentativo dalla distanza di Raspadori, un giro di lancetta più tardi Pope devia sulla traversa il bel colpo di testa di Scamacca su cross di Dimarco. Con il passare dei minuti la nazionale dei Tre Leoni alza il proprio baricentro, ma Toloi, Bonucci, Acerbi, Cristante e Donnarumma arginano i timidi tentativi di Foden, Sterling, Maguire e Kane. I ritmi calano, il metro scelto dall'arbitro - molto fiscale - spezzetta il gioco e il cronometro scivola rapidamente nella seconda metà del primo tempo, battezzata da un'incursione di James prontamente stoppata da Bonucci. L'Italia si rivede nell'area di rigore avversaria intorno al 26', quando Pope pasticcia con i piedi ma libera prima dell'arrivo di Scamacca, quindi al 27' Raspadori sciupa una chance importante sbagliando lo stop sul bel suggerimento di Barella e al 28' Kane, in ripiegamento difensivo, anticipa l'attaccante passato in estate dal Sassuolo al West Ham dopo la sponda di Toloi su traversone di Dimarco. Il match stenta a decollare, azzurri leggermente più propositivi, e al 40' Dier si immola sulla botta dal limite di Cristante

La magia di Raspadori regala il successo all'Italia: Inghilterra ko 1-0

Nessun cambio durante l'intervallo e ancora Italia in avvio: sventagliata di Raspadori, cross di Dimarco e botta di Cristante respinta da Rice. Bonucci spende un giallo fermando l'avanzata di Sterling al limite (48'), poi chiude in angolo Kane dopo una leggerezza di Toloi in fase di impostazione (50'). Al 56' Scamacca addomestica un gran pallone nella trequarti inglese, poi si gira su se stesso e serve Barella in profondità pronto a battere a rete, ma viene involontariamente contrastato da Raspadori. Il talento del Napoli, quindi, lancia in profondità Dimarco - in fuorigioco in un primo momento non ravvisato - che mette dentro per Barella e la sfera che esce di un soffio (57'). I ragazzi di Southgate sono ad ogni modo più fluidi nel gioco rispetto ai 45' iniziali e su una rapida ripartenza Toloi rischia l'autogol nel tentativo - riuscito - di anticipare Kane (60'). Proteste degli ospiti sul seguente angolo per un contatto tra Barella e Bellingham che, come mostrano i replay, è avvenuto fuori area ed esclude il possibile intervento del Var. Durante il mini-break in cui i sanitari assistono il centrocampista del Borussia Dortmund, Roberto Mancini getta nella mischia Gnonto e Pobega per Scamacca e Barella. Un colpo di tacco con annesso tunnel a Kane di Di Lorenzo infiamma il Meazza, tiro-cross di Raspadori e Pope si rifugia in angolo, quindi ci prova Gnonto con analogo esito. Gli azzurri giocano bene, aggrediscono alti e, soprattutto, sono in procinto di sbloccare il risultato: lo fa Raspadori al 68', agganciando in maniera divina lo splendido lancio di Bonucci, disorientando Walker con un paio di finte e spedendo poi il pallone all'angolino lontano, imparabile per Pope. Southgate si gioca le carte Grealish e Shaw per Saka e Walker, passando alla difesa a 4 con l'arretramento di James, mentre Donnarumma si avventura con successo in un dribbling da brividi su Kane (73'), prologo al doppio super intervento sullo stesso attaccante del Tottenham (77'). A 10' dal termine, mentre Di Lorenzo rimedia l'ammonizione per un tackle in ritardo su Grealish, torna a vestire la maglia azzurra Gabbiadini dopo il lunghissimo infortunio, che rileva un esausto Raspadori: all'85' il neo-entrato attaccante della Sampdoria si lascia ipnotizzare da Pope, l'azione prosegue e Dimarco colpisce un palo clamoroso prima di far spazio ad Emerson Palmieri. Dentro anche Frattesi per Jorginho, mentre Cristante si divora il raddoppio calciando in curva da ottima posizione (87'). Sei minuti di recupero a ritmi elettrici: Gnonto va via sull'out mancino seminando il panico, Rice ci prova da fuori con Donnarumma che blocca sicuro, in mezzo un'invasione di campo di un tifoso con la maglia azzurra numero 11 prontamente placcato dagli steward del Meazza. Un fallo di mano costa il giallo a Grealish, ma l'Inghilterra aumenta la pressione alla disperata ricerca del gol del pareggio, con Gabbiadini che offre la propria fisicità a supporto del nostro terzetto difensivo e Gnonto che si prende la responsabilità di recuperare palloni sporchi e ripartire a tutta velocità. Brivido a 40 secondi dal termine, con Bellingham che sovrasta Frattesi e svetta in area, non inquadrando tuttavia lo specchio (ma Donnarumma sembrava sulla traiettoria). Finisce qui, la Nazionale di Mancini conquista una vittoria di prestigio e si giocherà l'accesso alla Final Four di Nations League nell'ultimo turno del girone contro la rivelazione Ungheria, a Budapest lunedì prossimo. L'Inghilterra retrocede in Serie B.

Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi!

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...