Giannina Maradona: "Aumento dei contagi? Non è colpa di mio padre"

Nuova ondata di casi di Coronavirus in Argentina. Additato, come motivo principale, l'assembramento creatosi a Buenos Aires in seguito alla notizia della morte del Pibe de Oro

Giannina Maradona: "Aumento dei contagi? Non è colpa di mio padre"© ANSA

BUENOS AIRES (ARGENTINA) - L'aumento dei contagi da Coronavirus in Argentina non cessa nonostante siano state somministrate le prime dosi di vaccino. Fra i motivi che hanno portato a questa situazione vengono menzionati gli assembramenti verificatisi a Buenos Aires, in particolare davanti alla Casa Rosada con decine di migliaia di persone, il 25 e 26 novembre scorsi, dopo che si era sparsa la notizia della morte di Diego Armando Maradona, e poi in occasione dei funerali.

Giannina Maradona: "Non è colpa di papà"

La figlia del Pibe de Oro, Giannina, ha scritto una lettera su Twitter: "Non incolpate papà per l'aumento dei contagi. Vedremo come risolvere la cosa, sappiamo che Diego era un pò di tutti - scrive l'ex compagna del 'Kun' Sergio Aguero dal quale ha avuto un figlio - ed è bellissimo vedere tutti i murales che vengono fatti in suo onore. Ed è bello anche il fatto che chiunque ci dica che vuole andare presso una di queste opere a deporre dei fiori possa farlo. Prudenza con le parole, ed empatia e pietà per chi è passato in una situazione come la nostra, e per coloro che non hanno potuto dare l'ultimo saluto ai propri familiari a causa di ciò che stiamo vivendo. Ma non è stata colpa di Maradona per quello che è successo lo scorso 25 novembre. Io avrei preferito rimanere in una stanza sola con la mia famiglia, non incolpateci per l'aumento dei contagi. Rispetto per lui che ora è in cielo, rispetto per noi rimasti qui a piangere per nostro papà, o fratello, o nonno o amico. E grazie ancora per tutti qui bellissimi messaggi, i fiori, le cose che avete lasciato".

Niente alcol e droghe nel corpo di Maradona
Guarda il video
Niente alcol e droghe nel corpo di Maradona

Commenti