Il paradosso di Inghilterra-Belgio: giocheranno per perdere?

A Kaliningrad va in scena una gara surreale: chi vince si fa un autogol e in caso di pareggio occhio ai cartellini
Il paradosso di Inghilterra-Belgio: giocheranno per perdere?

TORINO - Nessuno ammetterà mai di essere sceso in campo per perdere ma Inghilterra-Belgio si erge a emblema della partita paradosso per eccellenza. Lo scontro al vertice del girone G è svuotato da ogni tipo di significato agonistico perché è evidente a tutti che sia più conveniente arrivare secondi. Chi perde tra le due corazzate finisce nella parte più morbida del tabellone: negli ottavi trova la vincente del girone H (una tra Giappone, Senegal e Colombia) mentre nei quarti affronta la vincente di Svezia-Svizzera, uno degli ottavi più deboli dal punto di vista dei valori in campo. Sulla carta è una vera e propria autostrada verso la semifinale dove potrebbe esserci la Spagna.

MONDIALI 2018, ECCO IL TABELLONE COMPLETO

CACCIA ALL'AMMONIZIONE - Ma cosa succede a chi vince? Il primo posto nel girone G regala comunque un ottavo morbido contro la seconda del girone H ma poi nei quarti c'è lo spauracchio Brasile prima di un'eventuale semifinale con una tra Francia, Argentina, Uruguay e Portogallo. E in caso di pareggio? Le due squadre hanno lo stesso numero di punti, lo stesso numero di reti fatte e subite. La squadra di Southgate però è prima perché ha preso due cartellini gialli contro i 3 dei Diavoli Rossi. Quindi il paradosso nel paradosso è che una gara senza pathos potrebbe essere costellata dalla caccia al cartellino giallo o al rosso perché il fair play potrebbe dirimere la parità. Sempre che non sia necessario addirittura il sorteggio: un evento che manca al Mondiale da Italia '90.

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...