Tuttosport.com

Frosinone-Roma 2-3: Dzeko salva al 95' i giallorossi che replicano al Milan
© LAPRESSE
0

Frosinone-Roma 2-3: Dzeko salva al 95' i giallorossi che replicano al Milan

20 punti nelle ultime 8 giornate per la squadra di Di Francesco che nel finale perde Manolas per infortunio. In gol anche Ciano, Pellegrini e Pinamonti

sabato 23 febbraio 2019

FROSINONE – Una prestazione straordinaria di Dzeko maschera gli istinti masochisti della Roma che passa al 95’ sul campo del Frosinone e si riporta a -1 dal quarto posto occupato dal Milan. La gioia per il successo timbrato dalla doppietta del bosniaco e dal gol di Pellegrini viene mitigata dalla preoccupazione per Manolas, uscito a un quarto d’ora dalla fine per un infortunio alla caviglia.

L’ERRORE DI NZONZI - Il Frosinone parte senza alcun timore riverenziale e al 5’ infiocchetta il vantaggio: Nzonzi non s’intende con De Rossi e offre un assist involontario a Ciano che spara di prima intenzione con il sinistro. Olsen è sulla traiettoria ma la sua deviazione con i guantoni s’impenna e poi termina la sua corsa in rete. Ciano, giunto al 7° gol stagionale, avrebbe l’opportunità di infierire sulle amnesie giallorosse all’11’ ma sul cross dalla sinistra di Beghetto spara alto, sempre con il sinistro, da ottima posizione.

LA REAZIONE - La Roma è in difficoltà perché De Rossi e Nzonzi sono sempre in balia dei centrocampisti di casa e il portatore di palla ospite è messo sempre sotto pressione. La replica al 14’ è affidata al binomio Perotti-El Shaarawy: sul cross pennellato da destra dall’argentino, il Faraone con una zuccata chiama Sportiello al primo intervento. La Roma si accende alla mezzora e nello spazio di 71 secondi ribalta il match. 

RIBALTONE - La genesi del pareggio, come in occasione dell’1-0, è un errore clamoroso: Goldaniga lascia rimbalzare un pallone in area, Dzeko alle sue spalle è un rapace e buca Sportiello di destro dopo lo stop di coscia. Neanche il tempo di metabolizzare il pareggio che il Frosinone si ritrova in svantaggio: in ripartenza Dzeko attira su di sé le attenzioni della difesa e apre in maniera magistrale per El Shaarawy. Il diagonale del numero 92 viene deviato da Sportiello che però non può nulla sul tap-in di Pellegrini, alla seconda rete dopo quella griffata nel derby.

GIRANDOLA DI CAMBI - A inizio ripresa le squadre smettono di pungere e azzerano il volume delle occasioni.  Dopo l’ingresso di Molinaro al posto di Beghetto, al 65’ Di Francesco cerca energie fresche immettendo Cristante e Zaniolo al posto di Nzonzi (peggiore in campo della Roma) e Perotti. Baroni lancia al 67’ Pinamonti che è protagonista della prima azione pericolosa del secondo tempo. Santon è bravissimo nel murare il tentativo del numero 89 che cercava di capitalizzare il cross di Zampano. Dall’altra parte si fa vedere un altro neoentrato: Cristante in mischia prova la stoccata ma la palla deviata termina in angolo.

MANOLAS KO – Al 74’ tegola per la squadra di Di Francesco. Manolas rimane a terra dolorante alla caviglia dopo un contrasto con Molinaro e lascia il posto a Fazio. La Roma è sotto shock e a 10’ dalla fine prende gol in contropiede: Pinamonti serve Ciano che viene inseguito da 3 giocatori giallorossi e restituisce il pallone al compagno, freddo nel bucare Olsen in splendida solitudine. 

DZEKO SHOW - Il tracollo giallorosso sembra potersi completare all’85’ ma il portiere svedese riscatta l’errore del primo tempo sbarrando la strada al diagonale di Trotta, entrato poco prima per Chibsah. La parata rialza il volume della fiducia degli ospiti e al 95’ Dzeko confeziona il tris spingendo in porta il pallone proiettato da El Shaarawy, splendidamente imbeccato da De Rossi. Il settimo gol in campionato del bosniaco (tutti segnati fuori casa) fa esplodere la gioia dei tifosi giallorossi e emenda almeno parzialmente una prestazione con troppi cortocircuiti inspiegabili.

Commenti