Tuttosport.com

Lazio-Sassuolo 2-2: Lulic salva Inzaghi al 96'
© LAPRESSE
0

Lazio-Sassuolo 2-2: Lulic salva Inzaghi al 96'

La squadra di Inzaghi rallenta ancora dopo il ko contro la Spal. Padroni di casa avanti con un rigore generoso realizzato da Immobile. Ospiti in gol prima con Rogerio e poi con Berardi. Pari in pieno recupero firmato dal capitano

domenica 7 aprile 2019

ROMA - La Lazio frena ancora e complica il proprio cammino verso la zona Champions. All'Olimpico gli uomini di Inzaghi impattano contro il Sassuolo. A nulla serve il ritorno al gol di Immobile su un rigore molto discusso assegnato dall'arbitro Abisso. Il 2-2 finale porta la Lazio al settimo posto, a tre punti di distanza dal Milan ma con una partita ancora da recuperare. De Zerbi rinuncia al suo 4-3-3 per un 3-5-2 più coperto. A riposo Berardi e Babacar, in vacanti Matri e Boga. Sotto gli occhi del grande ex Veron, presente in tribuna, Inzaghi recupera Radu mentre sulla destra conferma Marusic con Romulo inizialmente in panchina. A centrocampo Parolo e Badelj fanno rifiatare Milinkovic-Savic e Leiva. 

Il primo tempo vede un predominio biancoceleste. I padroni di casa tengono palla ma non riescono ad arrivare con pericolosità dalle parti di Consigli. Merito di un Sassuolo molto ben messo in campo e molto corto fra i reparti. La prima occasione da gol arriva al 4' con un colpo di testa di Acerbi deviato in angolo da Consigli. Parolo è il più pericoloso per i capitolini con due conclusioni dal limite che non trovano però la porta avversaria. Con il passare dei minuti la manovra laziale diventa più compassata e per il Sassuolo è più facile gestire il pareggio. La più grande chance del primo tempo capita per caso ad Immobile: l'attaccante si trova sulla traiettoria del rinvio di Peluso e per poco e non beffa Consigli con un sinistro a lato di pochissimo. Nel finale di tempo è Caicedo a tentare uno sfondamento in area neroverde: la palla arriva a Luis Alberto che dal limite con un rasoterra angolatissimo mette a lato di poco. 

CLASSIFICA SERIE A

La ripresa vede una Lazio più arrembante e gli sforzi degli uomini di Inzaghi vengono premiati al 54': Patric sulla destra mette in area un pallone deviato prima dal corpo e poi dal braccio di Locatelli. L'arbitro Abisso va al Var e dopo tre minuti di attesa fischia un penalty contestato ferocemente dal Sassuolo. Dal dischetto Immobile non perdona e la Lazio si ritrova avanti di un gol. La gioia dei padroni di casa dura molto poco. Quattro minuti dopo, infatti, arriva la doccia fredda per i biancocelesti: grande azione di Boga sulla destra, palla verso Lirola che trova una conclusione pericolosa deviata da Strkosha, sulla traiettoria c'è Rogerio che ribadisce in gol sotto misura. L'1-1 tramortisce i padroni di casa che non riescono a riorganizzarsi. Inzaghi mette in campo Correa al 63' per Caicedo e il Tucu ha il merito di regalare la scossa ai propri compagni: prima impegna Consigli con un tiro insidioso e poi serve a Immobile un pallone d'oro che il portiere del Sassuolo devia da campione. Entra anche Milinkovic-Savic per uno stanco Parolo. Al 77' Immobile si divora un'occasione clamorosa su un assist al bacio di Luis Alberto: solo davanti a Consigli l'attaccante riesce a calciare a lato. De Zerbi toglie Matri per far spazio a Berardi ma a creare i maggiori pericoli alla difesa della Lazio rimane l'imprendibile Boga. All'82' è ancora Consigli a salvare la sua squadra con un prodgio su una potente conclusione ravvicinata di testa di Milinkovic-Savic. L'ultimo cambio di Inzaghi è Lucas Leiva ma la beffa per la Lazio si materializza all'89' quando Sensi e Berardi da soli mandano in tilt la difesa avversaria e con quattro passaggi ribaltano il risultato. Incredibile l'errore di posizionamento di Radu e Acerbi che lasciano una prateria a Berardi che, solo davanti a Strakosha, infila il più facile dei rasoterra vincenti. Quando ormai sembra tutto finito per i padroni di casa, ecco il pari finale al 96' firmato Lulic. Da un angolo 'regalato' da Consigli, è Immobile a trovare lo spazio sulla sinistra per un tiro cross potente che il capitano ribatte in fondo al sacco sotto misura. E' l'ultimo guizzo di una partita combattuta. Il pari finale lascia l'amaro in bocca agli uomini di Inzaghi che, dopo lo stop a Ferrara, vedono complicarsi il cammino verso l'Europa che conta.

CRONACA E TABELLINO

Commenti